Flamengo in lutto: il coronavirus si porta via il massaggiatore

Jorge Luiz Domingos, 68 anni, ha lasciato questo mondo. Era stato ricoverato ad aprile e non è riuscito a superare il contagio.

di Redazione Il Posticipo

Il Covid-19 torna a far piangere il mondo del calcio. Come riportato da Record.pt, il Flamengo è in lutto per la dipartita dello storico massaggiatore Jorge Luiz Domingos.

TRAGEDIA – La tragedia si è consumata poco prima del ritorno degli allenamenti. Jorge Luiz Domingos era una figura storica del club campione del Sudamerica. Ha ricoperto ininterrottamente il ruolo di massaggiatore del club negli ultimi 40 anni. Il club ha reso noto anche le cause che hanno portato alla morte. Le complicanze del virus hanno generato un arresto cardiorespiratorio. Lo sfortunato dipendente aveva 68 anni e una lunghissima militanza calcistica. Indossando i colori rubronegros dal 1980, Jorge ha vissuto entrambe le Libertadores. Quella dell’era di Zico e poi l’ultima epopea legata alla figura Jorge Jesus. Fra l’altro il professionista era particolarmente apprezzato anche dalla Federazione. Faceva anche parte della delegazione brasiliana ai Mondiali vinti da Canarinha nel 2002.

COLPITO – Il Covid-19 sembra essersi accanito sulla squadra brasiliana: fra l’altro il massaggiatore, come molti altri dipendenti, era a casa quando è stato colpito dai primi sintomi che hanno poi rivelato la presenza del virus che gli è stato fatale. Ricoverato immediatamente in terapia intensiva “Jorginho” è entrato in ospedale lo scorso 20 aprile e purtroppo non ne è uscito. Una morte che conferma lo stato di difficoltà che sta attraversando il Brasile che è divenuto già il quarto Paese al mondo con il maggior numero di casi registrati da Covid-19 negli ultimi 14 giorni: in Brasile ci sono stati 59.900 nuovi casi confermati. In totale sono stati superati i 101mila casi, mentre i morti sono 7.025. Numeri che non lasciano presagire nulla di buono. Non a caso per sensibilizzare la popolazione, a Rio de Janeiro la statua del Cristo Redentor è stata illuminata con “indosso” la mascherina.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy