VAR, una bella Ma(ta)ssa da sbrogliare: nel dubbio, paga la Lazio

VAR, una bella Ma(ta)ssa da sbrogliare: nel dubbio, paga la Lazio

Una Lazio un po’ sottotono è fermata dalla decisione dal Grande Fratello. Il rigore decretato dal VAR influenza pesantemente il risultato.

di Redazione Il Posticipo

Una vittoria sfumata negli ultimi minuti di gioco: complice il VAR, che assegna un rigore assolutamente discutibile alla Viola. Che trova un pari inseguito sino al termine dopo aver costretto la Lazio a giocare al di sotto dei propri livelli.

VAR, una decisione pesantissima

Fabbri condiziona il risultato. Il “Grande Fratello” del calcio capovolge una partita e apre l’ennesimo dibattito. Era rigore o no? E allora il BAR a che serve? Beh, partendo da un semplice presupposto, Massa non ha considerato il contatto fra Caceido e Pezzella da rigore. Il VAR lo smentisce. Ma è bene chiarire che la moviola in campo non è una semplice tecnologia. Dietro quello schermo c’è un arbitro che decide o no di comunicare al direttore di gara se sia il caso di interrompere il gioco. Quindi non è infallibile, in quanto totalmente legata alla discrezione di chi è in postazione. In estrema sintesi: è sempre un uomo che decide e non la tecnologia. Curioso che il VAR abbia “sbagliato” o emesso una sentenza discutibile per la seconda volta, ancora all’Olimpico. Lazio e Roma sono le uniche due squadre a potersi lamentare di aver probabilmente subito un torto arbitrale.

Non solo torti

Al di là della sentenza dell’occhio elettronico, non si è vista la migliore Lazio della stagione. La squadra appare un po’ in riserva. Poco brillante, piuttosto slegata nei movimenti, forse anche un po’ stanca. ma comunque capace di trovare il vantaggio. Le prodezze di Strakosha hanno tenuto a galla una squadra che non ha espresso il solito calcio, complice una Fiorentina piuttosto volitiva. Lo sforzo prodotto era stato tuttavia sufficiente per avere ragione di un avversario coriaceo e bene messo in campo. Un vero peccato, perchè la Lazio avrebbe rimesso entrambi i piedi in zona Champions, peraltro ancora tranquillamente alla portata dei biancocelesti. Ma in un campionato in cui le grandi volano, perdere punti rende tutto particolarmente complicato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy