Finalmente Higuain, capolavoro su punizione e vittoria: “È il mio mestiere, segnare è la mia funzione principale”

La prima rete di Higuain in MLS arriva a New York, nella trasferta della sua Inter Miami contro i Red Bulls. E non è un gol qualsiasi, per modalità e per importanza: un bolide su punizione che regala la vittoria alla franchigia di Beckham.

di Redazione Il Posticipo

Era ovvio che sarebbe accaduto, quasi scontato. Perchè il senso del gol non è qualcosa che si perde da un giorno all’altro, soprattutto se negli ultimi quindici anni non si è fatto altro che spedire il pallone nella porta degli avversari. È per questo che l’Inter Miami, la nuova franchigia del calcio nordamericano creata dal nulla da David Beckham, ha puntato su Gonzalo Higuain. Certo, ci è voluto un po’ per vedere il Pipita esultare, compreso un rigore mandato alle stelle durante la partita di esordio con tanto di accenno di rissa con chi lo prendeva in giro. Ma alla fine, come sempre, ha avuto ragione l’argentino.

BOLIDE – La prima rete di Higuain in MLS arriva a New York, nella trasferta della sua Inter contro i Red Bulls. E non è un gol qualsiasi, per modalità e per importanza. L’ex Napoli e Juventus trafigge il portiere avversario con una punizione imprendibile, un missile sul palo dell’estremo difensore che non può proprio arrivarci. Non proprio la specialità della casa, considerando che negli ultimi anni di calci da fermo all’argentino… ne hanno lasciati tirare pochi. Ma lui li sa calciare eccome e lo fa al minuto 80 con il parziale bloccato sull’1-1, mettendo così la firma sulla vittoria esterna della sua squadra, visto che alla fine la partita termina 1-2.

COMMENTI – Meglio di così non si poteva fare, per il Pipita e per i tifosi. Che dopo averlo criticato per l’errore contro Philadelphia, ora non lesinano complimenti al centravanti dell’Inter Miami: “Ho visto il suo gol e sono rimasto a bocca aperta”. Certo, non manca…qualche spiritoso, che commenta così: “Che campionato pessimo se si permette addirittura a Higuain di segnare su calcio di punizione”. Ma in generale il bolide del centravanti è stato molto apprezzato. E anche lui è molto contento. Come riporta Sportmax, nella conferenza post-partita l’argentino ha spiegato: “È il mio mestiere. Ho giocato nei migliori campionati del mondo e la mia funzione principale è segnare”. Persino…dall’altra parte del mondo!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy