Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Filippo Inzaghi: “Orgoglioso dei miei ragazzi. Affrontare Simone è stata dura…”

BENEVENTO, ITALY - NOVEMBER 28: Filippo Inzaghi Benevento Calcio coach gestures during the Serie A match between Benevento Calcio and Juventus at Stadio Ciro Vigorito on November 28, 2020 in Benevento, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Il "derby" di famiglia degli Inzaghi si chiude come probabilmente volevano tutti i parenti. Un pareggio che non scontenta nessuno ma serve più al tecnico del Benevento.

Redazione Il Posticipo

Il "derby"  di famiglia degli Inzaghi si chiude come probabilmente volevano tutti i parenti. Un pareggio che non scontenta nessuno. Di certo, il punto aiuta di più il Benevento che continua a mettere fieno in cascina in chiave salvezza. Solita prova di carattere dei sanniti che vanno sotto nel punteggio ma mettono in campo il consueto carattere. Pareggio di Schiattarella e nel finale anche l'occasione di vincere. Sfortuna e imprecisione hanno negato la gioia a Filippo che si gode comunque prestazione a pareggio. Le sue parole ai microfoni di DAZN.

DERBY - Una sfida che non poteva essere come tutte le altre. Prima e dopo la partite abbracci ed emozioni. In campo, però, ha cercato di vincere sino al fischio finale come è giusto che sia. "Non ho sentito ancora nessuno in famiglia. Certo è una partita strana, giocare contro la squadra di mio fratello è complicato ho cercato di concentrarmi sulla mia squadra. Ho visto una foto, oggi, di quando eravamo giovani a Piacenza all'antistadio. Essere avversari è stata dura, ma sono contento di aver regalato una gioia a tutta la famiglia. Sapevo che era difficile. Simone è fra i migliori allenatori d'Europa ma preferisco non affrontarlo. Fortunatamente saremo avversari solo fra cinque mesi. Ieri sera ci siamo sentiti a mezzanotte, è difficile gioire per un gol fatto contro mio fratello. Ho imparato da lui, per quello che ha fatto nella Lazio c'è solo da imparare".

PROSPETTIVE - Il Benevento conferma di essere squadra complicata da affrontare. Anche se manca di concretezza negli ultimi sedici metri. Servirebbe... Pippo Inzaghi. "Non posso dire niente a questi ragazzi, significherebbe cercare il pelo nell'uovo. Sono fantastici mi stanno regalando soddisfazioni incredibili. Abbiamo giocato alla pari con Juventus e Lazio. Dobbiamo continuare su questa strada. Abbiamo ribattuto colpo su colpo i ragazzi stanno andando oltre le mie aspettative. Questo è il premio per il loro impegno giornaliero. Questi ragazzi mi stanno sorprendendo. Pensare di giocare così era una speranza, ma adesso dobbiamo mantenere questo spirito e restare con i piedi per terra anche se facciamo risultato con squadre che sembrano fuori dalla nostra portata. Quando ho visto i primi minuti ho pensato che era impossibile anche giocarcela, invece questi ragazzi sono stati capaci di giocarsela. Qualcuno forse gli ha fatto credere di essere meno bravi di quello che sono ma noi e la società abbiamo creduto in loro. Sono orgoglioso dei miei ragazzi".

Potresti esserti perso