Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Festa City, troppo alcol per Guardiola. “Il momento migliore della serata? Quando è arrivata la pizza”

(Photo by Julian Finney/Getty Images)

Il tecnico ha lasciato fare i suoi ragazzi, ma non è riuscito ad unirsi più di tanto alla baldoria. 

Redazione Il Posticipo

Una serata, seppur in bolla, per festeggiare il titolo. Il City, nel rispetto delle norme vigenti per il Covid-19, non ha rinunciato alla festa. E, a quanto pare, secondo quanto riportato da Sky Sport uk, neanche all'... alcol. Troppo, per un personaggio molto misurato come Pep Guardiola che ha lasciato fare i suoi ragazzi, ma non è riuscito ad unirsi più di tanto alla baldoria.

MESSAGGI - Pep Guardiola ha raccontano come è andata la sua serata. Ha letto, in primis, i tanti messaggi di chi si complimentava con lui per il successo. In primis, Klopp e Ancelotti. "Ancora non ho trovato il tempo di rispondere, ma di sicuro scriverò a entrambi. Anche perché li ammiro molto ed è anche grazie a loro che sono diventato un allenatore migliore di quando sono arrivato. Ho la sensazione, infatti, che ogni anno i nostri avversari siano sempre più forti e ben allenati. In particolare Klopp è stato una ispirazione per me. Ho studiato molto il Liverpool e il Dortmund e ho arricchito il mio bagaglio di conoscenze".

FESTA - Il tecnico ha poi parlato anche della festa, svelando qualche piccolo aneddoto. "I ragazzi si sono divertiti moltissimo. Si è trattato di un evento organizzato senza particolare preavviso, nella nostra bolla. Credo che un party inaspettato sia più divertente di quelli in cui è tutto programmato". Anche se Guardiola si è divertito molto meno dei suoi ragazzi. "Abbiamo messo della musica, stappato qualche bottiglia.  Devo dire però che in Inghilterra le feste sono quasi tutte a base di alcool. Tanto bere, e poco cibo. Dunque, per me, il momento migliore della serata è stato quando ci hanno consegnato le pizze. Non ricordo neanche che gusto abbia scelto, non ero in una condizione perfetta, ma non credo che sia così importante".

CHAMPIONS - Molto più importante l'appuntamento in Portogallo. La finale si giocherà a Oporto e c'è da recuperare Kevin De Bruyne, indispensabile per il City. "In questo momento è ancora infortunato e ovviamente non lo rischieremo per la sfida con il Newcastle. Le sue condizioni, però, stanno migliorando. E sarà in perfetta forma, come tutti i ragazzi che si stanno preparando per essere al 100% dal punto di vista fisico e mentale per guadagnarsi una maglia in occasione della finale".