Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ferragosto di fuoco per Mazzarri: dalla disoccupazione al possibile Mondiale con il Marocco

Ferragosto di fuoco per Mazzarri: dalla disoccupazione al possibile Mondiale con il Marocco - immagine 1
Per il tecnico toscano si profila uno scenario clamoroso.

Redazione Il Posticipo

Dalla disoccupazione alla possibilità di giocarsi il Mondiale. Ferragosto di fuoco per Walter Mazzarri. L'ex tecnico del Cagliari, dopo la sfortunata parentesi in Sardegna culminata con l'addio poco prima della retrocessione del club in serie B, si è ritrovato senza panchina all'inizio di questa stagione. Tuttavia, nelle ultime ore, secondo quanto riportato da dal sito www.sport.le360.ma, per il tecnico toscano si profila uno scenario clamoroso. Sedersi in panchina alla guida del Marocco.

FERRAGOSTO

Secondo quanto riportato al di là del Mediterraneo Walter Mazzarri ha trascorso il ferragosto a Rabat per un appuntamento fissato con i membri della federazione locale orfana di Vahid Halilhodzic dopo che qualche giorno fa, attraverso un comunicato ufficiale, la FRMF ha annunciato la risoluzione amichevole del contratto dell'ormai ex CT a pochi mesi dalla competizione iridata in Qatar. Fra i nomi del possibile successore ci sarebbe anche quello del tecnico italiano invitato per un colloquio conoscitivo. Sul contenuto, sinora, c'è il più stretto riserbo ma la sensazione è che qualcosa di molto serio bolla in pentola, anche considerando che il tecnico ha incontrato Fawzi Lekjaa, numero uno della Federcalcio locale.

Ferragosto di fuoco per Mazzarri: dalla disoccupazione al possibile Mondiale con il Marocco - immagine 1

PROSPETTIVE

L'alone di mistero si presta a diverse interpretazioni. In primis, c'è da superare la concorrenza di Houcine Ammouta, che però potrebbe ritirarsi dalla corsa. Il tecnico è impegnato con il Wydad Casablanca e non sembra aver intenzione di rinunciare al suo posto. E poi resta da capire anche quali siano le prospettive del tecnico in Italia. In questo senso, la posizione di Cioffi non è saldissima e la storia dell'Hellas Verona insegna che da quelle parti non si va molto per il sottile. Lo scorso anno la dirigenza non si fece pregare prima di esonerare Di Francesco dopo appena tre partite. E qualora la panchina scaligera restasse vacante, Mazzari è uno dei papabili a subentrare in corsa. Situazione quanto mai fluida dunque, ma la possibilità di giocarsi un Mondiale da CT rappresenta il classico treno che passa una sola volta nella vita.