calcio

Fernando Santos: “Il sorteggio è quello che è, all’Italia penseremo dopo la Turchia”

Fernando Santos: “Il sorteggio è quello che è, all’Italia penseremo dopo la Turchia” - immagine 1

Il sorteggio per gli spareggi ha lasciato tutti scontenti. In Italia, chi può, si mette le mani fra i capelli. In Portogallo, però, non è che siano felicissimi.

Redazione Il Posticipo

Il sorteggio per gli spareggi ha lasciato tutti scontenti. In Italia, chi può, si mette le mani fra i capelli. In Portogallo, però, non è che siano felicissimi. Anche perché anche la semifinale non sarà una passeggiata. Fernando Santos, come riporta record.pt, preferisce concentrarsi su un passo alla volta. Tutto il mondo osserva con curiosità alla probabile finale fra Italia e Portogallo a Lisbona, ma il commissario tecnico del Portogallo, che esattamente come gli azzurri ha gettato alle ortiche la qualificazione ai mondiali del 2022 da prima del girone, invita a tenere d'occhio la Turchia, avversario non affatto facile da affrontare.

TURCHIA - Il primo passo verso il Qatar è la Turchia. Avversario comunque da non sottovalutare per chi è già... riuscito a farsi sorprendere dalla Serbia in casa. "La Turchia è una nazionale molto competitiva, gioca con un grandissimo spirito di squadra, anche se a volte non riescono a esprimersi al massimo come collettivo. In ogni caso è bene tenere gli occhi aperti. Hanno sempre creato tante difficoltà agli avversari. Non dobbiamo limitarci a giudicare l'Europeo. Dovremo prepararci molto bene, è un avversario insidioso, occorre arrivare a quella partita al massimo della forma".

Fernando Santos: “Il sorteggio è quello che è, all’Italia penseremo dopo la Turchia”- immagine 2

ITALIA - Il tecnico, per adesso, non parla dell'Italia. Ritiene necessario concentrarsi sulla semifinale. E preferisce concentrarsi sui fattori che potrebbero aiutare il Portogallo a centrare l'obiettivo. "Il sorteggio è quello che è e così va accettato. Preferisco pensare agli aspetti positivi, ovvero alla possibilità di poter completare tutto il percorso in caso. Ci risparmieremo la fatica del viaggio, potremo contare sull'apporto del nostro pubblico, e non è poco. Non è comunque questo il momento di pensare all'Italia. Inizieremo a considerare l'impegno contro gli azzurri solo dopo aver vinto ed eliminato la Turchia. In questo momento l'avversario su cui concentrarsi è quello che c'è fra noi e la finale. In ogni caso continuo ad essere estremamente fiducioso. Saremo noi ad andare ai mondiali".