Felipe Melo e Messi: “Più forte di CR7. In una sfida con il Brasile decidemmo di prenderlo a calci a turno…”

Il centrocampista del Palmeiras rivela alcuni aneddoti della sua carriera…

di Redazione Il Posticipo

Felipe Melo, un personaggio sui generis. Per sua stessa ammissione, se non fosse diventato calciatore, sarebbe finito a far parte della malavita organizzata brasiliana. E anche sul campo, però, non è stato propriamente un angioletto. Innumerevoli interventi al limite del regolamento e della foga agonistica, altrettante le dichiarazioni più o meno “calienti”. Olè ha raccolto i suoi aneddoti. E As li ha riportati. E ce m’è per tutti i gusti.

MESSI – In primis, il rapporto con Messi. Improntato su un profondo rispetto. Anche se… non ha potuto fare a meno di malmenarlo in campo. E di organizzare anche una sorta di faida calcistica. “Messi è speciale, perché se lo prendo a calci non protesta, si alza e viene a prenderne un altro. Non ha paura. Una volta mi è capitato di colpirlo accidentalmente con il gomito ha iniziato a perdere sangue dal naso. Gli ho detto che gli volevo bene. Resta un giocatore unico. Quando lo abbiamo affrontato con il Brasile ci siamo detti di prenderlo a calci a turno. Non avevamo intenzione di fargli male, sia chiaro. Avevamo studiato una soluzione per arginarlo. Del resto è difficilissimo marcare un calciatore così forte. A volte  puoi solo ricorrere al fallo tattico per interromperne l’azione”.

CONFRONTI – Felipe Melo ha pochi dubbi. Al netto delle difficoltà e anche di qualche screzio in campo (esposta orgogliosamente con tanto di gigantografia in casa) La Pulce è fra i migliori giocatori della storia del calcio. “Un calciatore incredibile, a mio avviso fra i primi tre al mondo. Non posso parlare di Pelé, anche perché non l’ho mai visto giocare. Ricordo molto bene invece Maradona, l’ho visto giocare ai Mondiali del 1990 quando l’Argentina ha battuto il Brasile con il suo assist per Caniggia. Ho visto giocare dal vivo Zico, uno dei più forti, quando ha lasciato il calcio al Maracanà. Messi però è pazzesco. Lo reputo più forte di Cristiano Ronaldo perché oltra a segnare lo stesso numero di gol, può anche mettesi al servizio della squadra e permettere ai suoi compagni di trovare la via della rete: è un giocatore più completo rispetto al portoghese. “.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy