Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Favoritismi, i dubbi di CR7 e le critiche di Bruno Fernandes: Solskjaer sotto tiro, allo United è rivolta!

Favoritismi, i dubbi di CR7 e le critiche di Bruno Fernandes: Solskjaer sotto tiro, allo United è rivolta!

Il Daily Mail parla apertamente di rivolta nello spogliatoio del Manchester United nei confronti dell'allenatore. Il tabloid segnala alcune situazioni che starebbero rendendo una polveriera le segrete stanze di Old Trafford.

Redazione Il Posticipo

Perdere un derby in casa non è mai un qualcosa di positivo. Ma perderlo senza praticamente giocare e dopo pochi giorni da uno 0-5 subito dall'altra grande rivale rischia di essere davvero troppo. Molti allenatori, visto il calendario compresso, benedicono la pausa per le nazionali, ma tra questi non c'è certamente Ole Gunnar Solskjaer. Il tecnico del Manchester United è sulla graticola e il fatto che il club non lo abbia (ancora) esonerato non fa che aumentare la pressione nei suoi confronti. Nella settimana e mezza in cui il norvegese potrà lavorare in attesa della ripresa, le possibilità che le voci sul suo futuro e sui suoi errori, veri e presunti, diminuiscano si avvicinano allo zero.

CR7 - E lo dimostra il DailyMail, che parla apertamente di rivolta nello spogliatoio nei confronti dell'allenatore. Il tabloid segnala alcune situazioni che starebbero rendendo una polveriera le segrete stanze di Old Trafford. A partire dai dubbi di Cristiano Ronaldo. Il portoghese è tornato a Manchester per fare ancora la differenza, ma è allarmato per quanto il livello della squadra sia caduto in basso rispetto ai tempi di Sir Alex Ferguson. A dimostrarlo c'è il fatto che senza i suoi gol lo United sarebbe già...fuori dalla Champions e che spesso neanche le marcature del cinque volte Pallone d'Oro riescono a tenere a galla gli uomini di Solskjaer. E a questo punto Ronaldo, almeno secondo la ricostruzione della testata, starebbe cominciando a chiedersi se tornare a Old Trafford sia stata una buona idea.

FERNANDES, MA NON SOLO - Ma anche al suo connazionale Bruno Fernandes la situazione non appare affatto rosea. Il portoghese sarebbe infatti uno dei critici più assidui di Solskjaer, sostenendo (assieme ad altri senatori) che l'allenatore non dia abbastanza indicazioni alla squadra, che viene lasciata a se stessa per quanto riguarda il piano di gioco. E, tanto per complicare ulteriormente la questione, il norvegese è anche accusato di fare favoritismi e di avere idiosincrasie inspiegabili. Il...cocco di Solskjaer sarebbe Rashford, che ha giocato il derby nonostante avesse saltato gli ultimi allenamenti per una leggera influenza. Il cattivo di turno è invece senza dubbio Van de Beek, praticamente mai utilizzato da un anno e mezzo a questa parte, ma che invece ha il supporto dei compagni di squadra. Insomma, tante belle gatte da pelare per il tecnico. E chissà quanto tempo per risolverle...