Fantacalcio, Donati si è “comprato” da solo: “E mi sono pagato parecchio. Punto su Szczesny, Bonucci e Immobile”

Il difensore del Lecce confessa di essere un grande appassionato del gioco più amato dagli italiani.

di Redazione Il Posticipo

Fantacalcio,che passione. Anche i professionisti cedono. Come il caso di Giulio Donati. Il giocatore del Lecce, come riportato dal sito calciolecce.it ha parlato della sua “dipendenza” dal gioco e, ovviamente, delle prospettive di fine stagione.

RENDIMENTO – Nel suo gioco preferito, Donati si compra, ma non si schiera. “Sono cinque anni che facciamo il Fantacalcio. Io l’ho vinto 4 volte ed una volta sono arrivato secondo. Ho sempre il portiere forte, quasi sempre Buffon e Szczesny. In difesa punto sulla titolarità e Bonucci che spesso segna.  In avanti ho sempre preso Ciro Immobile. Io mi sono dovuto comprare, strapagandomi e spendendo tantissimi soldi, però ma non mi schiero mai”. Questione di scaramanzia. Così come può capitare che un suo compagno… “segni” nella fantaporta sbagliata. “Chiaramente se segna un mio compagno di squadra la prendo benissimo. Quando vincemmo con il Napoli io avevo Mancosu contro al Fantacalcio, fece un gol splendido su punizione, esultai come un pazzo a prescindere”.

RIPRESA – Esiste anche il calcio vero. E il Lecce ha una salvezza da inseguire. “Per me è una bella esperienza. Liverani è uno dei migliori tecnici e lo sta dimostrando. Stiamo bene, ci siamo allenati molto intensamente. Penso che si debba tornare a giocare. Vogliamo conquistare la salvezza sul campo. Credo sia molto più al sicuro  un ambiente controllato 24 ore al giorno. Il modello tedesco è agevolato dal loro sistema sanitario che è ad un livello altissimo. Hanno saputo gestire molto meglio questa situazione anche a livello generale, oltre che calcistico. Loro sono molto bravi a programmare determinate cose, si sono organizzati bene e in questo sono tra i migliori”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy