Fabregas guarda la Bundesliga ed è show sui social: “Mi sembra di vedere un allenamento. Non si può esultare tutti assieme? Mica lo sapevo!”

Ritorna il calcio grazie alla Bundesliga, ma non a tutti è piaciuto lo spettacolo offerto. E anche i protagonisti del pallone hanno avuto qualcosa da ridire riguardo le nuove regole, i piccoli e grandi divieti e le contraddizioni che sono emerse dalle partite. Come Cesc Fabregas, che ha dato spettacolo su Twitter.

di Redazione Il Posticipo

Ritorna il calcio grazie alla Bundesliga, ma non a tutti è piaciuto lo spettacolo offerto. Normale, considerando che si tratta di qualcosa di tanto simile quanto lontano a quello a cui tutti erano abituati. E anche i protagonisti del pallone hanno avuto qualcosa da ridire riguardo le nuove regole, i piccoli e grandi divieti e le contraddizioni che sono emerse dalle partite del campionato tedesco. Cesc Fabregas, che con il suo Monaco rimarrà fermo ancora a lungo, considerando lo stop definitivo della Ligue 1, si è messo davanti al televisore come un qualsiasi tifoso ed ha affidato al suo account twitter i pensieri che riguardano la ripartenza…

ALLENAMENTO – Sensazioni che, a sentire il campione del mondo 2010, non sono poi così positive: “Mi sembra di vedere un allenamento. Si sentono i calciatori e gli allenatori che urlano. Ora ci renderemo conto ancora di più di quanto contino i tifosi”. E in effetti, tra indicazioni e insulti, i microfoni a bordo campo hanno captato davvero di tutto. Ma ciò su cui si concentra lo spagnolo, ovviamente, sono le regole del protocollo, che rendono la partita un lungo elenco di comportamenti totalmente contrastanti. “I capitani fanno il sorteggio a tre metri di distanza, dopo di che combattono su ogni pallone faccia a faccia”. Una contraddizione che non è sfuggita al centrocampista.

ABBRACCI – Così come a parecchi colleghi e addetti ai lavori, celebri e non, che intervengono nella discussione. “Hai ragione amico”, twitta l’ex milanista Pato, E quando Fabregas vede Haaland e compagni festeggiare a distanza è…incredulo. “Non si può esultare tutti assieme per un gol? Questa mica la sapevo!”. Del resto, in Francia il protocollo non è servito, quindi la sorpresa dello spagnolo…è genuina. “Però ti puoi abbracciare in barriera”, fa notare qualcuno. “O sui calci d’angolo”, aggiungono altri. Insomma, vedere le partite di Bundesliga per Fabregas è stata un’esperienza particolare, che lo lascia con sentimenti contrastanti. “Sono contento che si sia tornati a giocare. Ma ci vorrà una vita per abituarsi a questo nuovo calcio”. La speranza è che non debba esserci la necessità di farlo…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy