Evra ne ha per tutti: “Quando Suarez non mi ha dato la mano ho pensato ‘ma che problemi ha?’. E all’Arsenal sono sempre gli stessi, dei ragazzini”

Evra ne ha per tutti: “Quando Suarez non mi ha dato la mano ho pensato ‘ma che problemi ha?’. E all’Arsenal sono sempre gli stessi, dei ragazzini”

Passano gli anni, ma Patrice Evra resta sempre lo stesso, anche ora che ha appeso gli scarpini al chiodo. E da commentatore del match tra Arsenal e Sheffield, l’ex terzino della Juventus ha avuto… una buona parola per tutti, non solo per i Gunners

di Redazione Il Posticipo

Passano gli anni, ma Patrice Evra resta sempre lo stesso, anche ora che ha appeso gli scarpini al chiodo. E la sua presenza nelle trasmissioni d’Oltremanica regala sempre qualche momento speciale. Non poteva non andare così anche a Monday Night Football su Sky Sports, dove il francese ha commentato la sconfitta dell’Arsenal contro lo Sheffield United. Ma l’ex terzino della Juventus ha avuto… una buona parola per tutti, non solo per i Gunners. Anzi, la presenza di Jamie Carragher in studio ha riportato sotto i riflettori (ammesso che ne sia mai stato fuori) il caso di razzismo tra Evra e Luis Suarez.

SUAREZ – Il transalpino ha raccontato la sua versione dei fatti, a partire dalla settimana prima della partita tra United e Liverpool. In precedenza Evra aveva accusato Suarez di averlo apostrofato con termini razzisti e tutti si chiedevano se i due si sarebbero stretti la mano. “Tutti quanti a domandarmi la stessa cosa, persino mia madre. E io le ho detto ‘lui ha sbagliato e io sono uno che perdona, non ci andrò in vacanza assieme, ma la mano gliela stringo’. Ma quando non me l’ha stretta lui, ho pensato ‘ma che problemi ha questo tizio, così fa una figura ancora peggiore’. Ero triste per lui”. E Carragher, che ricorda di avere indossato una maglia di supporto a Suarez dopo la squalifica di otto giornate per razzismo, chiede scusa: “È stato un grande errore”.

ARSENAL – Per Evra c’è comunque tempo anche di parlare dell’Arsenal. Anzi, di attaccare la squadra di Emery, che perde l’occasione di fare un balzo in avanti in classifica e secondo il francese fa sempre gli stessi errori. “Dov’è Wenger? Tiratelo fuori, perchè tanto è sempre la stessa storia. Sono contento per lo Sheffield, ma non sono sorpreso dall’Arsenal. Io li chiamavo ‘i miei ragazzini’ 10 anni fa e la sensazione era la stessa: quando ci giocavo contro sapevo che avremmo vinto. L’ho detto anche a Van Persie quando è arrivato allo United, ‘benvenuto in una squadra di uomini’. Prima si è arrabbiato, ma dopo un mese mi ha detto che avevo ragione…”. Insomma…il solito Evra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy