Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Everton, l’esultanza sfrenata di Lampard: “Mi sono rotto una mano, ma per i tre punti va benissimo così!”

(Photo by Matthew Childs - Getty Images)

Quanto conta un gol in pieno recupero? Tanto, soprattutto se fa vincere una partita fondamentale in un momento complicato della stagione. Ma forse Frank Lampard ha esagerato nel festeggiare la rete di Iwobi contro il Newcastle...

Redazione Il Posticipo

Quanto conta un gol in pieno recupero? Tanto, soprattutto se fa vincere una partita fondamentale in un momento complicato della stagione. La vittoria dell'Everton contro il Newcastle arriva al minuto 99, solo il nono dei quattordici minuti extra decisi dall'arbitro, causa interruzione della partita per una invasione di campo all'inizio del secondo tempo. Il gol di Iwobi è a dir poco fondamentale per i Toffees, che si staccano così dalla zona retrocessione e mettono fine a un periodaccio che li aveva portati dritti dritti a immaginare un futuro in Championship. E visto che la squadra di Lampard era anche rimasta in dieci uomini per l'espulsione di Allan, ci sta che a Goodison Park si sia festeggiato parecchio.

LA MANO - Anzi, nel caso del tecnico, forse anche troppo. Come ha spiegato lo stesso Lampard ai microfoni di Amazon Prime Video, c'è stato un piccolo incidente di percorso per la troppa gioia: il buon Frankie...si è rotto una mano esultando. Ed è la prima cosa che ha mostrato con un certo orgoglio alle telecamere al momento dell'intervista. "Comunque per esultare mi sono rotto la mano, ma per i tre punti va benissimo così. È successo mentre esultavamo, sul momento non me ne sono accorto, ma mentre la partita continuava ho cominciato a sentire un po' di dolore. È conciata un po' male, ma va bene così, non mi importa". Per una vittoria, questo e altro.

SERATE COSÍ  - Anche perchè la panchina di Lampard, arrivato per sostituire Benitez a gennaio, era già traballante, con molti tifosi pronti a chiedere la testa del tecnico e a sostituirlo con Steve Bruce. Ma la vittoria contro il Newcastle può rappresentare il punto di svolta della stagione, nonostante il tecnico cerchi di mantenere la barra dritta. "È stata una notte fantastica, ma è importante metterla in prospettiva, perchè manca ancora tanto alla fine del campionato. Però ci serviva una serata così, dobbiamo godercela e capire cosa ci ha portato a vincere la partita: lo spirito di squadra, l'essere tutti assieme". E pazienza se per le prossime partite il tecnico dovrà indossare un tutore. Per la salvezza...ogni sacrificio è ben accetto!