Everton, Ancelotti fa il pompiere: “Manteniamo motivazioni e ambizioni. Il pericolo è sempre dietro l’angolo”

L’Everton vince. Ancelotti è in testa ma ammonisce i suoi. Mai sedersi sugli allori.

di Redazione Il Posticipo

L’Everton vince ancora e Ancelotti cala ll tris. Tre partite, altrettante vittorie. I toffess in testa alla classifica. Guai,però, a sedersi sugli allori, però. Un allenatore top con un’esperienza del genere lo sa bene. Le parole del tecnico emiliano a fine gara alla BBC esprimono soddisfazione ma hanno anche il sapore dell’avvertimento. Per puntare in altro, anche sull’altra sponda del  Merseyside, occorre restare con i piedi del terra.

BENE MA…  – L’ex tecnico del Napoli è ovviamente soddisfatto.  “Sono davvero felice per il risultato, abbiamo giocato un ottimo primo tempo. Il secondo è stato più difficile perché il Palace ci ha messo parecchia pressione. abbiamo difeso bene ma avremmo potuto giocare meglio con la palla. La stagione è cominciata nel modo giusto, è un momento importante ma non dimentichiamo che c’è subito un’altra partita mercoledì. Dobbiamo mantenere la motivazione e l’ambizione. Stiamo facendo molto bene. il pericolo, però, è sempre dietro di noi quando non ci comportiamo bene sul campo“.

EFFECT  – Non sono mancate le polemiche ma Ancelotti prova a sedarle. “Non sono la persona adatta a giudicare la decisione arbitrale. Non c’è un solo arbitro a decidere e dobbiamo adattarci alle nuove regole sul fallo di mano. È dura ma non possiamo farci nulla“. Ma oltre alla prestazione, bisogna sottolineare come Ancelotti abbia valorizzato i giocatori già presenti in rosa prima di concentrarsi sui nuovi. Come Calvert-Lewin, che fa eco al suo allenatore: “Credevo che non fosse la nostra miglior prestazione da inizio stagione. Ma siamo rimasti sul pezzo e alla fine siamo riusciti a portare a casa il risultato. Abbiamo appena cominciato ma non è il momento di distrarci: dobbiamo costruire la nostra stagione partita dopo partita”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy