Eto’o se la prende con France Football per la nomination al dream team Pallone d’Oro: “Che mancanza di rispetto. Dopo 25 anni da centravanti…”

I premi, si sa, fanno sempre discutere. France Football ha deciso di approfittare della mancata assegnazione del Pallone d’Oro per un premio antologico, scegliendo una formazione Top 11 di tutti i tempi per posizione in campo. Ma anche in questo caso non mancano le polemiche. E non sono…per un’assenza.

di Redazione Il Posticipo

I premi, si sa, fanno sempre discutere. Escluse rarissime eccezioni, è complicato trovare l’unanimità per quello che riguarda pareri strettamente soggettivi come la risposta alla celebre domanda: “chi è il miglior calciatore del mondo?”. In questo strano 2020, però, il problema non dovrebbe porsi. Il Pallone d’Oro non verrà assegnato, con buona pace di Lewandowski e Neuer che, dopo il triplete del Bayern Monaco, sarebbero stati i naturali favoriti. In compenso France Football ha deciso di approfittare della situazione per un premio antologico, scegliendo una formazione Top 11 di tutti i tempi per posizione in campo. Ma anche in questo caso non mancano le polemiche. E non sono…per un’assenza.

ESTERNO DESTRO – Di solito ci si arrabbia per la propria esclusione dalle nominations, ma l’ex interista Samuel Eto’o fa di meglio e non apprezza la sua candidatura. Colpa…della posizione in campo. La rivista francese ha infatti deciso di inserirlo tra i migliori esterni destri di sempre, in compagnia di gente come George Best, Figo, David Beckham e Leo Messi. Ma non è la oggettiva difficoltà nel vincere contro alcuni mostri sacri a far arrabbiare il camerunese, bensì il non essere presente tra i centravanti, considerando che quella giocata a destra è stata una breve (per quanto vincente) parentesi in una carriera passata a guidare gli attacchi di Maiorca, Barça e compagnia bella.

RISPETTO – Dunque, Eto’o prende la parola su Twitter e se la prende senza mezzi termini con France Football. “Grazie. Dopo aver giocato una o due stagioni sulla destra di fronte a 25 anni da centravanti. Che mancanza di rispetto”. Una rabbia condivisa con la maggior parte dei suoi follower, che si chiedono cosa sia passato per la testa di chi ha fatto le nominations e quali saranno i numeri 9 che hanno più diritto dell’ex interista di giocarsi il Pallone d’Oro alla carriera nella posizione di centravanti. In ogni caso, la polemica andrà avanti fino alla consegna dei premi. E in fondo, bisognava anche aspettarselo. Che il Pallone d’Oro, annuale o di tutti i tempi, faccia discutere non è mica una novità…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy