Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Eto’o punge Henry: “Non era al mio livello. La mia sfortuna è non aver giocato con la Francia…”

Eto’o punge Henry: “Non era al mio livello. La mia sfortuna è non aver giocato con la Francia…” - immagine 1
In barba ai tanti sondaggi che lo hanno votato miglior giocatore straniero di sempre della Premier League, il camerunese non ritiene il francese un grande giocatore. E spiega anche perchè secondo lui molti calciatori hanno...una pubblicità migliore

Redazione Il Posticipo

Samuel Eto'o, da poco divenuto presidente della Federazione del Camerun, è uno dei grandi personaggi degli ultimi due decenni, non solo in campo. Anche al di fuori del terreno di gioco il centravanti si è sempre fatto riconoscere, regalando storie e dichiarazioni entrate nella leggenda. E le sue recenti frasi sull'ex compagno al Barcellona Thierry Henry stanno facendo parecchio rumore. Cosa ha detto Eto'o? Ha parlato del transalpino e lo ha...parecchio sminuito. In barba ai tanti sondaggi che lo hanno votato miglior giocatore straniero di sempre della Premier League, il camerunese non ritiene il francese un grande giocatore. E spiega anche perchè secondo lui molti calciatori hanno...una pubblicità migliore rispetto ad altri.

Eto'o e Henry

—  

Le controverse dichiarazioni sono state rilasciate all'interno di un dialogo di Eto'o con Booska-P, una testata che si occupa di urban style, musica, cinema ma anche di sport. E l'ex centravanti non si è certo morso la lingua quando c'è stato da dare un giudizio su Henry. "Penso che non fosse al livello di Nicholas Anelka. Thierry era bravo, ma di giocatori ne ho visti tanti e ne preferivo altri tipi". Fino a qui, tutto normale. Ma poi arriva la frecciata: "In ogni caso, non era al mio livello". Un qualcosa su cui molti, sui social, hanno avuto a che ridire: "Voglio anche io quello che ha fumato Eto'o", chiosa scherzando qualcuno. "A Eto'o voglio bene, ma stavolta si sta sbagliando sul serio", spiega qualcun altro.

Il...marketing dei francesi

—  

Il discorso poi si amplia e si arriva a un punto abbastanza controverso: la considerazione dei giocatori africani rispetto a quella degli europei. Un qualcosa che Eto'o ha spesso sottolineato. E stavolta il camerunese addita la Francia per la sua capacità...di marketing dei suoi calciatori. "La fortuna o la sfortuna che ho avuto io è quella di non aver giocato con la Francia. Quelli che giocano in Francia hanno il 70% in più e non perchè sono più forti, ma perchè la Francia sa venderli molto meglio. Ce li vendono e li fanno arrivare al nostro livello". Opinioni certamente particolari, che non stanno mancando di creare polemica. Ma del resto, quando parla Eto'o succede con una certa frequenza...