Eto’o: “Messi per me è un figlio, il Barça è lui, se va via dobbiamo cambiare nome”

Il giocatore ha chiarito la sua posizione sulla situazione che la squadra sta vivendo

di Redazione Il Posticipo

Eto’o vorrebbe che Messi restasse al Barca, ma gli augura ogni bene possibile, Il camerunense, in una intervista rilasciata  a TyC Sports,  e ripresa da AS ha chiarito la sua posizione sulla brutta situazione che la squadra sta vivendo. E le sue parole lasciano poco spazio alle interpretazioni.

LAPIDARIO – Eto’ o è stato chiarissimo: parla da tifoso del Barcellona innamorato della Pulce. “Amo Messi come un figlio, gli voglio molto bene e desidero solo il meglio per lui. Però il Barcellona è Messi e penso che se lui deciderà di andarsene, dobbiamo trovare un altro nome alla squadra. A Barcellona c’è una grande fortuna: abbiamo il miglior giocatore del mondo e di tutti i tempi. Quando arrivano certe sconfitte è ovvio che qualcosa possa cambiare, ma dobbiamo fare di tutto perché Messi concluda degnamente  la sua carriera in Catalogna”.

BAYERN –  L’attaccante africano ha analizzato anche la sconfitta contro il Bayern e in generale la stagione del Barcellona, ha parlato dei suoi ex compagni di squadra: “Evidentemente i nuovi ragazzi hanno avuto qualche problema nell’adattarsi ai continui cambiamenti.  Ho sofferto molto per la sconfitta, non solo per Leo, ma per tutti i ragazzi. Chi non ha giocato, non può capire che c’è nel calcio. A volte accadono giornate del genere.  Il calcio è come la vita, si può cadere ma la cosa più difficile è rialzarsi. Vale per tutti: tifosi, giocatori dirigenti.  Spero che la squadra possa risollevarsi presto in modo da poter iniziare subito sognare in grande per la prossima stagione e mi auguro che chi ha la responsabilità di prendere le decisioni, lo possa fare pensando al bene assoluto del Barcellona”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy