Espirito Santo “libera” Cutrone: “Ho parlato con lui e abbiamo deciso di non convocarlo. Qualcosa può succedere…”

Espirito Santo “libera” Cutrone: “Ho parlato con lui e abbiamo deciso di non convocarlo. Qualcosa può succedere…”

L’avventura inglese di Patrick Cutrone potrebbe già essere ai titoli di coda. L’attaccante azzurro, acquistato dal Wolverhampton in estate, è stato escluso dalla lista dei convocati per il match di FA Cup contro il Manchester United e c’è la concreta possibilità di rivederlo presto in Italia. Lo conferma il suo tecnico.

di Redazione Il Posticipo

L’avventura inglese di Patrick Cutrone potrebbe già essere ai titoli di coda. L’attaccante azzurro, acquistato dal Wolverhampton in estate, è stato escluso dalla lista dei convocati per il match di FA Cup contro il Manchester United e c’è la concreta possibilità di rivederlo presto in Italia. A confermare che qualcosa bolle in pentola, con la Fiorentina che aspetta di capire se potrà aggiudicarsi il classe 1998, è l’allenatore del club inglese. Nuno Espirito Santo ha infatti spiegato ai microfono di Sky che la scelta di tener fuori l’attaccante dalla sfida contro i Red Devils è stata presa in accordo con il calciatore.

DECISIONE MIGLIORE – E che non sono esclusi sviluppi. “Non voglio dire troppe cose al riguardo, ma ho avuto una buona conversazione con Patrick e abbiamo deciso che era meglio che non prendesse parte alla partita. Era la decisione migliore per tutti, quindi aspettiamo e vediamo come vanno le cose. Ma è tutto ok, anche se qualcosa potrebbe succedere”. Pressato su un possibile addio dell’azzurro, Espirito Santo decide di lasciare tutto nell’incertezza: “Ecco perchè non voglio dire troppo. Aspettiamo e vediamo”. Certamente aspettano a Firenze, dove l’ex rossonero, vista la mancanza di un vero e proprio centravanti nella rosa di Iachini, sarebbe accolto a braccia aperte.

DELUSIONE – Certo, per Cutrone tornare a casa sarebbe una boccata d’aria fresca, ma anche una bella delusione. Arrivato ai Wolves in pompa magna, con tanto di coro dei tifosi sul fatto che apprezzi la pasta e la pizza, l’attaccante non è mai riuscito a ritagliarsi troppo spazio nell’undici titolare del tecnico portoghese. Finora per lui 24 presenze, non certo poche, ma quasi tutte da subentrato. E lo score parla di tre reti, due in Premier League e una in coppa di lega. Troppo poco per chi vorrebbe fare la differenza, anche per sognare quella nazionale che ha sfiorato ai tempi del Milan e che ragazzi più giovani di lui (Zaniolo e Kean) ormai vedono con una certa frequenza. Dunque, forse, meglio tornare. E pazienza se il viaggio in Inghilterra non è andato come si sperava…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy