Eroe Hradecky, batte il Bayern… con un occhio solo: “Ho perso la lente a contatto e non ho visto niente”

Eroe Hradecky, batte il Bayern… con un occhio solo: “Ho perso la lente a contatto e non ho visto niente”

Il portiere finlandese ha vissuto una giornata da eroe contro il Bayern Monaco: le Aspirine hanno espugnato l’Allianz Arena nonostante l’estremo difensore ci abbia visto poco o niente. Lukas Hradecky potrà raccontare ai suoi nipoti di aver battuto i campioni di Germania con un occhio solo.

di Redazione Il Posticipo

Per fare il portiere non basta un’ottima vista, serve soprattutto un grande istinto: la sfida tra Bayern Monaco e Bayer Lekerkusen ha confermato che le cose stanno davvero così. Lukas Hradecky ha fatto affidamento sul senso della posizione quando ha perso una lente a contatto: il finlandese ha difeso i pali delle Aspirine come un vero eroe e al fischio finale ha festeggiato un successo storico. Dopo queste weekend Hradecky penserà di essere invincibile?

UN OCCHIO SOLO – Il Leverkusen non vinceva dall’Allianz Arena dall’ottobre 2012: anche in quell’occasione la gara era finita 2-1. Questa volta l’uomo-partita è stato Leon Bailey, autore di una doppietta nel primo tempo che ha vanificato la rete di Thomas Müller. I campioni di Germania non sono riusciti a rimettere in piedi la gara nella ripresa. L’eroe di giornata Hradecky ha parlato ai microfoni di Sky Sports nel post-partita: “Ho perso una lente a contatto nel primo tempo e non ho visto quasi niente per venti minuti prima dell’intervallo, provate a giocare voi contro il Bayern con un occhio solo!”. Il pari di Müller è arrivato quando il portiere aveva già una visione parziale. Il finlandese ha approfittato dell’intervallo per rimettersi in sesto e ha salvato le Aspirine con una decina di parate.

FORTUNA – Nessuno si aspettava una sconfitta del Bayern che qualche giorno fa aveva rifilato un netto 6-0 alla Stella Rossa ai gironi di Champions League: con questo successo il Leverkusen si è portato a due punti dai campioni di Germania. Un’impresa in cui la buona sorte ha giocato un ruolo chiave secondo Sven Bender, padrone della difesa insieme ad Hradecky: “È stato difficile, loro ci pressavano e hanno insistito fino alla fine. Abbiamo combattuto con passione. Non avevamo avuto fortuna in questa stagione, col Bayern è la prima volta che ci capita. Però è l’unico modo per vincere a Monaco”. Il Leverkusen ha chiuso in dieci per l’espulsione di Jonathan Tah a dieci minuti dalla fine, le Aspirine però sono riuscite a resistere e Hradecky ha scherzato sul suo singolare infortunio al fischio finale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy