Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Empoli, Zanetti: “60 – 70′ di dominio assoluto. Il Verona deve essere più contento di noi per il pari”

Empoli, Zanetti: “60 – 70′ di dominio assoluto. Il Verona deve essere più contento di noi per il pari” - immagine 1
Toscani che non vanno oltre il pari con l'Hellas e rimanda ancora l'appuntamento con la vittoria.

Redazione Il Posticipo

L'Empoli e l'Hellas continuano a non vincere. L'1-1 maturato al Castellani muove la classifica ma rimanda l'appuntamento con la vittoria dei padroni di casa. Zanetti analizza la sfida ai microfoni di DAZN.

PARI

Questione di prospettive. Un punto guadagnato per le occasioni  generate dal Verona nel finale o due persi per la condotta generale di gara specialmente nel primo tempo. Il tecnico ha la sua idea al riguardo. "Sedici tiri verso la porta avversaria è un dato che rende sicuramente più contento l'Hellas Verona di noi di questo pareggio. Sono orgoglioso della prestazione dei miei ragazzi anche dal punto di vista dell'intensità fisica. Ho visto 60-7o minuti di dominio assoluto, ci resta solo il problema di non chiudere la partita".

Empoli, Zanetti: “60 – 70′ di dominio assoluto. Il Verona deve essere più contento di noi per il pari” - immagine 1

RAGGIUNTI

I numeri lasciano in eredità che l'Empoli deve imparare a vincere le partite. "Se avessi la soluzione a questo problema la utilizzerei immediatamente. Nel calcio contano i gol, poi in mezzo ci sono i discorsi sul come vincere, giocando bene o male. Sarebbe stato meraviglioso portare a casa i tre punti giocando così bene, ma ce ne portiamo a casa uno che è comunque prezioso. Non dobbiamo essere scontenti di aver pareggiato perché l'Empoli ha strameritato il risultato anche se certamente ci aspettavamo qualcosa di diverso. Stiamo comunque mettendo fondamenta importanti".

GIOVANI

Al netto del risultato, sono tornate e brillare alcune individualità. E altre, come Baldanzi hanno impressionato. Emozionante il "grazie mister" dopo il gol. "La soddisfazione di un allenatore passa anche da certe scelte. Io metto in campo i giocatori forti, a prescindere dalla carta di identità.  Lo fa la Juventus, non vedo perché non lo debba fare l'Empoli". A proposito di gioiellini. Si sono rivisti sprazzi del miglior Bajrami. "Non ho mai nascosto il mio gradimento verso questo ragazzo che forse ha un po' sofferto la sovraesposizione sui media, è pur sempre un '99, ma oggi ho visto quel calciatore che conosciamo e vogliamo. Se rimarrà con noi avremo un calciatore in più".