Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Empoli – Ucraina, dal Castellani un messaggio di pace

Empoli – Ucraina, dal Castellani un messaggio di pace - immagine 1

L'appuntamento è per il 17 maggio alle 20.30 allo stadio Castellani

Redazione Il Posticipo

L'Empoli ancora una volta protagonista di solidarietà. La squadra di Aurelio Andreazzoli. come riportato dal sito ufficiale del club, affronterà in amichevole la nazionale Ucraina che ha ripreso la propria attività agonistica in vista degli impegni che porteranno la nazionale guidata da  Oleksandr Petrakov, a giocarsi, nel prossimo giugno, l'accesso ai mondiali in Qatar. La nazionale dell'Est Europa, arrampicatasi sino ai quarti di finale nell'ultima ad Euro2021 ha in programma la sfida contro la Scozia a Glasgow, anticamera della finale in programma a Cardiff contro il Galles.

BENEFICENZA - L'appuntamento è per il 17 maggio alle 20.30 allo stadio Castellani di Empoli. Attualmente la nazionale dell'Ucraina si trova in Slovenia per prepararsi in vista dei play off ma è già scesa in campo per ritrovare confidenza con il ritmo partita. Anche l'Empoli si è offerto volentieri come sparring partner. L'incasso del match, come accordato con la Federazione Ucraina, sarà devoluto interamente ad Ukraine United 24 la piattaforma ideata e lanciata sul web (basta digitare https://u24.gov.ua/) dal presidente Volodymyr Zelensky per la raccolta di donazioni a sostegno dell'Ucraina. I fondi saranno trasferiti sui conti ufficiali della Banca nazionale ucraina e assegnati dai ministeri assegnati per coprire le esigenze più urgenti ovvero difesa e bonifica del territorio dalle mine, aiuto medico e ricostruzione. Sinora sono stati raccolti 25 milioni di dollari, che saranno trasferiti sui conti ufficiali della Banca nazionale ucraina e assegnati dai ministeri assegnati per coprire le esigenze più urgenti.

Empoli – Ucraina, dal Castellani un messaggio di pace- immagine 2

AMICIZIA - Una serata di calcio, dunque, ma anche e soprattutto di amicizia e solidarietà. Del resto la squadra toscana non è nuova a gesti di grande sensibilità. Basti pensare a Vicario. L'estremo difensore ha commosso tutta la comunità calcistica aprendo le porte di casa sua a un bambino ucraino in fuga dagli orrori della guerra. Dialogando con google translate, il portiere ha saputo che il ragazzino di otto anni era un grande appassionato di pallone. E gli ha subito trovato una scuola calcio per riprendere a praticare il suo sport preferito.