Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Empoli salvo, Andreazzoli ancora no. Corsi: “É il tecnico ideale per noi ma dobbiamo parlare…”

La conferma del tecnico che ha condotto alla permanenza la squadra toscana non è ancora chiaro.

Redazione Il Posticipo

Empoli salvo. Andreazzoli ancora no. La conferma del tecnico che ha condotto alla permanenza la squadra toscana non è ancora chiaro. Fabrizio Corsi ha rilasciato una lunga intervista al TGR Toscana analizzando il campionato e le prospettive della squadra.

SALVEZZA - Il calcio dà, il calcio toglie. Dopo la salvezza sfuggita in casa con il Torino, la salvezza è arrivata nel posticipo del lunedì fra Atalanta e Salernitana. "Abbiamo sofferto e poi ci siamo abbracciati sul divano. Ultimamente ci capita spesso di festeggiare nel finale di stagione. La salvezza ottenuta in questo campionato suggella il nostro lavoro e la passione di chi ci ha sempre sostenuto. Se mi guardo indietro e analizzo i risultati degli ultimi 30 anni, mi sembra ancora tutto incredibile. Avremmo dovuto e potuto festeggiare con il Toro. La squadra ha giocato una partita esemplare. Vicario ha detto che la sfida è durata 78 minuti e in quel frangente di tempo l'abbiamo vinta. Il resto è qualcosa a parte. E io sono pienamente d'accordo con lui".

PROSPETTIVE - Resta da capire quale sarà il futuro della squadra. E occorre mettere nero su bianco anche sul rinnovo di Andreazzoli. Non così scontato: "Andreazzoli è il nostro tecnico ideale, ha grandi idee e propone un calcio ricco di contenuti. In lui abbiamo trovato un allenatore capace di portare avanti il nostro progetto tecnico. Ci ritroveremo per parlare, credo sia necessario avere la certezza che la squadra ritrovi e conservi per tutto il prossimo anno la convinzione che ci ha portato alla salvezza".

AMBIENTE - Empoli si conferma piazza ideale per lanciare i giovani e lavorare in serenità. "Per questo occorre ringraziare i tifosi che hanno fatto la differenza aiutandoci nei momenti di difficoltà. Per un lungo periodo non siamo riusciti a vincere ma hanno capito che i risultati erano frutto di sfortuna e casualità. Esattamente come è stato sorprendente qualche vittoria racimolata all'andata. Alla fine però la classifica rispecchia quanto accaduto. Tutti i punti sono strameritati e il nostro ambiente e il nostro ambiente si è rivelato ancora una volta vincente"