Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Empoli, riecco Caputo: “Ho scelto di tornare qui, sento la maglia addosso, ho un debito di riconoscenza”

Empoli, riecco Caputo: “Ho scelto di tornare qui, sento la maglia addosso, ho un debito di riconoscenza” - immagine 1
Nel giorno della sua presentazione ufficiale il nuovo... vecchio attaccante ha spiegato i motivi del suo arrivo in Toscana.

Redazione Il Posticipo

Caputo, un ritorno voluto e cercato. Nel giorno della sua presentazione ufficiale il nuovo... vecchio attaccante ha spiegato i motivi del suo arrivo in Toscana. Le parole dell'attaccante sono riprese dai canali ufficiali del club.

RICONOSCENZA

—  

Una scelta dettata dalla riconoscenza. Certi amori non finiscono. "Sono emozionato, mi sembra di non essere mai andato via. Il video dell'Empoli rappresenta in pieno quel che è accaduto. Il calcio mi ha portato altrove ma alla fine sono tornato perché mi sento questa maglia addosso. Qui ho vissuto i momenti più belli della mia carriera. Mi avevano proposto altre destinazioni ma mi sino imposto. Ho scelto Empoli perché ho un debole per questa città. Ritrovo persone che mi hanno voluto bene. Ci siamo lasciati tre anni fa a Milano, tra tante lacrime. La retrocessione mi è rimasta sullo stomaco, devo saldare un debito. Adesso ho tantissima voglia di rimettermi in gioco con questa squadra. Ho scelto la 19 perché è la data di nascita di mia moglie Anna Maria".

ZANETTI

—  

Anche con Zanetti è stato subito feeling dal punto di vista umano e tattico.  "Non è facile né scontato entrare in un gruppo collaudato. Ho trovato una squadra di qualità, sia calcistiche che umane. Con Zanetti è stata sufficiente una chiacchierata per far scattare la scintilla e capire la strada da intraprendere, anche la chimica a volta fa la differenza. Dal punto di vista tattico il modulo è perfetto per le mie caratteristiche. Non sono arrivato per mettere a segno 30 gol, ma sono qui per mettere la mia esperienza al servizio di tutti. Voglio aiutare la squadra, i compagni più giovani a sentirsi più liberi e sereni nella giocata. Sono contento di aver permesso subito a Baldanzi di segnare".

SALVEZZA

—  

Empoli è un trampolino di lancio. Per Caputo è stato un gradito ritorno. "Ho vissuto un anno e mezzo difficile, avevo bisogno di risentirmi importante e voluto bene. Questa è una squadra giovane ma con dei valori importanti, ho la sensazione che l'Empoli se la possa giocare con tutti conservando però il giusto atteggiamento. A livello fisico sto bene, andando in campo con continuità troverò la forma migliore".