Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Empoli, Corsi: “Non sciupiamo quanto ottenuto. A gennaio non parte nessuno, salvo casi clamorosi”

Empoli, Corsi: “Non sciupiamo quanto ottenuto. A gennaio non parte nessuno, salvo casi clamorosi” - immagine 1
Empoli sulla scia dello scorso anno quando ha centrato la salvezza, di fatto, al termine del girone d'andata.

Redazione Il Posticipo

Campionato fermo,  in testa e in coda. Fabrizio Corsi, presidente dell'Empoli, ha tracciato un primo bilancio della stagione in una intervista rilasciata alla Nazione. 

SODDISFATTO

—  

Empoli sulla scia dello scorso anno quando ha centrato la salvezza, di fatto, al termine del girone d'andata. La scelta di cambiare si è rivelata azzeccata. "Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti. La squadra ha ancora ampi margini di miglioramento, diversi giovani sono esplosi ancora prima del previsto, altri mostrano qualità importanti. Siamo soddisfatti della scelta di Zanetti, ci ha dato quella solidità che ricercavamo. Il tecnico ha ruotato molto gli uomini a inizio campionato ma mi sembra convinto delle scelte e adesso le sta portando avanti con continuità. Anche se l'esperienza, anche quella recente, mi insegna che è necessario concentrarsi su ciò che resta da fare e non su quanto ottenuto per non sciupare il lavoro. Dunque batta dritta senza perdere di vista l'obiettivo".

Empoli, Corsi: “Non sciupiamo quanto ottenuto. A gennaio non parte nessuno, salvo casi clamorosi” - immagine 1

PROSPETTIVE

—  

Campionato anomalo. La sosta molto lunga potrebbe rimescolare le carte in testa e soprattutto in coda. Corsi è consapevole che solo l'aritmetica regalerà certezze a chi lotta per la salvezza. "In questo momento è perfettamente inutile fare i conti anche perché la scorsa stagione la salvezza si è decisa all'ultima giornata e l'Empoli stesso qualche anno fa è retrocesso nonostante undici punti di vantaggio sulla terzultima a febbraio. La sosta è una situazione comune a tutti, c’è chi ha scelto di continuare ad allenarsi e chi invece ha preferito spezzare dando dei giorni di riposo. Vi sono diverse scuole di pensiero, solo il campo potrà dire chi ha ragione ma credo che lo staff abbia tutti gli strumenti e l'esperienza necessaria per gestire la situazione al meglio. In vista del mercato vedremo quale sarà la situazione nella finestra invernale. Di certo i nostri giocatori più rappresentativi e decisivi non sono in vendita, salvo casi clamorosi. L’idea è quella di tenere tutti, avremo 23 partite da giocare e ci serviranno anche i giovani.”