Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Embolo: “Mi sento svizzero al 60-70% gioco con il 36 perché era la linea che mi portava agli allenamenti”

Embolo: “Mi sento svizzero al 60-70% gioco con il 36 perché era la linea che mi portava agli allenamenti” - immagine 1
Il suo numero di maglia richiama la linea dell'autobus che lo portava da ragazzo ad allenarsi. Nato in Camerun, integratosi in Svizzera, ha chiesto scusa dopo aver segnato al suo paese.

Redazione Il Posticipo

Embolo si guadagna la copertina regalando alla Svizzera tre punti all'esordio mondiale. Un gol che non riesce a farlo gioire: ha segnato al "suo" Camerun. E dopo il gol a una fase finale del Mondiale ha quasi chiesto scusa per il dolore provocato al suo paese natale.

INTEGRAZIONE

—  

Nato a Youndee, naturalizzato svizzero nel 2014, nel 2003 si è trasferito a Basilea con la madre e il fratello quando aveva sei anni ma non ha mai dimenticato le sue origini considerando che ha anche una fonazione attualmente attiva nel paese africano a sostegno dei bambini meno fortunati. Come riportato da Basler Zeitung quotidiano tedesco che ne ha ripercorso la carriera, il ragazzo, cresciuto con il poster di Eto'o in camera. "Non ho grandi ricordi del Camerun, sono ancora in contatto con qualcuno. Mi sento svizzero al 60 - 70% ". La sua è anche una storia di integrazione "Ho segnato con il 7 ma preferisco giocare con il 36 perché il numero della linea del bus che mi portava agli allenamenti. In Svizzera mi sono integrato immediatamente, ho tanti amici e in questo senso il calcio mi ha aiutato tantissimo.

Embolo: “Mi sento svizzero al 60-70% gioco con il 36 perché era la linea che mi portava agli allenamenti” - immagine 1

RITORNO

—  

Il gol rappresenta anche un ritorno ad altissimi livelli. Embolo è giovane, ma non giovanissimo: classe 1997 ha esordito con il Basilea ed... è andato a scuola dopo una partita di Champions nel 2014. Esordiente dell'anno nel 2015, è pronto per il salto in Bundesliga. Il volo è spezzato da un brutto infortunio alla caviglia che lo tiene di fatto lontano dai campi per un anno. Dopo sei anni spesi in Germania, si è trasferito al Monaco dove ha conservato una sua abitudine. Dormire almeno una bottiglia d'acqua la sera prima della partita. "Altrimenti non riesco a riposare". E a proposito di sonno, il suo gol, ironia della sorte, richiama anche la Embolo Song. I tifosi svizzeri gli hanno riservato un coro sulle note del notissimo "The Lion Sleep Tonight". Il Leone dorme stanotte. Si è svegliato contro i Leoni...