“È arrivata l’ora”: Schweinsteiger annuncia il ritiro sui social

“È arrivata l’ora”: Schweinsteiger annuncia il ritiro sui social

Il centrocampista tedesco, attualmente in forza ai Chicago Fire, ha dato l’annuncio del suo ritiro. E quindi a 35 anni lascia il calcio uno dei protagonisti degli ultimi tre lustri, capace di vincere tutto con la maglia del Bayern e con quella della nazionale tedesca.

di Redazione Il Posticipo

“È arrivata l’ora”. Una frase tanto semplice quanto difficile da pronunciare, quando si tratta di chiudere una carriera. E quell’ora è arrivata per Bastian Schweinsteiger. Il centrocampista tedesco, attualmente in forza ai Chicago Fire, ha dato l’annuncio del suo ritiro attraverso i suoi profili social. Un addio non del tutto imprevisto, dato che Schweini aveva più volte fatto capire che, dopo una breve esperienza in MLS, non si sarebbe visto in campo ancora a lungo. E quindi a 35 anni lascia il calcio uno dei protagonisti degli ultimi tre lustri, capace di vincere tutto con la maglia del Bayern e con quella della nazionale tedesca.

CAMPIONE DI TUTTO – Campione di Germania, d’Europa e del Mondo, oltre a un’Europa League e a tantissime altre coppe. Non si può certo dire che il teutonico si sia risparmiato. Nato esterno di centrocampo, viene spostato al centro della mediana da Van Gaal e diventa…un altro. Lo spirito di sacrificio di Schweinsteiger lo trasforma in uno dei migliori mediani del mondo. E non a caso, gioca con il Bayern e poi se ne va in un tempio del calcio come Old Trafford. In mezzo, una marea di trofei, compreso il triplete sotto la guida di Heynckes di cui è uno dei protagonisti. E il matrimonio con Ana Ivanovic, ex tennista, con cui forma una delle coppie più celebri dello sport.

FUTURO – Impossibile dunque non ringraziare “le mie squadre: il Bayern, lo United, i Chicago Fire e la nazionale”, come chiosa lo stesso centrocampista. Ora però Schweinsteiger dovrà decidere…cosa farà da grande. Con il cambio della guardia al Bayern e l’arrivo di Kahn come nuova guida per il club, non è così improbabile che lo si rivedrà a Monaco di Baviera in un ruolo dirigenziale. Anche perchè nel comunicato promette: “rimarrò fedele al calcio”. Al momento però il tedesco si godrà il primo vero periodo di riposo con la sua famiglia, che viene ovviamente citata nel tweet di commiato. Dopo aver giocato e vinto tanto, forse è arrivata l’ora…anche di rifiatare un po’…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy