Drinkwater torna in campo con la maglia del Chelsea e… perde

Danny Drinkwater è tornato in campo con la maglia del Chelsea per la prima volta dal 2018 ma… si riparte da una sconfitta.

di Redazione Il Posticipo

Nella vita può capitare di cadere. Anche rovinosamente. L’importante, però, è rimettersi in piedi e se non andrà bene il primo tentativo lo farà il secondo. Sarà questo, più o meno, quello che starà pensando il centrocampista Danny Drinkwater in questo periodo. Il giocatore è tornato in campo con la maglia del Chelsea per la prima volta dal 2018 ma… andrà meglio la prossima. Si riparte da una sconfitta con eliminazione dal torneo annessa.

BENTORNATO – Come riporta il Sun, l’ex centrocampista del Leicester City è ritornato a giocare ma non con la prima squadra. Drinkwater è stato inserito nella squadra delle riserve dei Blues. Così è tornato a giocare i suoi primi 90 minuti nel trofeo EFL. Si tratta di una competizione annuale alla quale sono ammessi club di League One e League Two e le squadre under 21 e le ‘B’ di Premier League. E per un lento reinserimento, a Drinkwater avrebbe fatto anche bene ripartire da lì. Peccato che però il suo rientro in campo, almeno in questa competizione sia cominciato e terminato con i 90 minuti.

MALE – Il Chelsea “B” ha giocato contro il Bristol Rovers e la squadra di terza divisione ha trovato la vittoria nei minuti finali della partita dopo uno stallo sul 3-3. La competizione è a eliminazione diretta così, la seconda squadra del Chelsea dovrà rassegnarsi. Per Drinkwater, perlomeno c’è qualcosa di positivo: torna in campo dopo il 5 agosto 2018 ma se dobbiamo considerare la sua ultima partita da titolare bisogna ritornare indietro al marzo dello stesso anno. Come aveva già spiegato, ha voglia di ricominciare, con l’umiltà di farlo dal basso. Ora però deve dimostrare di essersi lasciato alle spalle anche il profilo da bad boy che lo aveva portato così lontano dal campo per tutto questo tempo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy