Drinkwater: l’esubero di Sarri…che non vuole andare via!

Danny Drinkwater non è esattamente in cima alla lista dei preferiti di Maurizio Sarri. E quindi il centrocampista cerca di fuggire dal Chelsea? Assolutamente no.

di Redazione Il Posticipo

Cosa si prova ad essere assunti da un’azienda per stare comodamente seduti su una poltrona? Certo, non sarà il lavoro più divertente del mondo, non sarà l’obiettivo professionale più roseo che ci si possa porre ma di certo, in assenza d’altro, un posto di lavoro bisognerà pur tenerselo. Daniel Noel Drinkwater, da quando è allenato da Maurizio Sarri, non ha quasi mai varcato il rettangolo verde. Una situazione che normalmente non sarebbe vissuta serenamente da un calciatore, ma secondo il Sun il centrocampista ex Leicester City non sembra assolutamente smaniare per cambiare casacca.

UNA PRESENZA – In effetti difficilmente si trova nelle grandi squadre un esubero che guadagna 100.000 sterline (circa 112.500 €) a settimana e secondo la testata inglese questo dovrebbe bastare al classe ’90 per non insistere troppo con Sarri affinché decida di schierarlo una seconda volta. L’unica apparizione di Drinkwater in maglia blu in questa stagione è stata la partita di Community Shield persa contro il Manchester City: trenta minuti in cui il ventottenne non si è fatto notare né in bene né per qualcosa di particolarmente sbagliato.

SPASIMANTI SCORAGGIATI – West Ham e, per un eventuale ritorno, il Leicester City, in estate sembravano interessate a portarsi il ragazzo a casa, ma alla fine il calciatore è rimasto a Londra. Il punto nodale potrebbe essere l’importante ingaggio del giocatore e chiaramente, finché non gli verrà posta sul tavolo un’offerta che possa ritenere congrua da qualche club di suo gradimento, difficilmente Drinkwater deciderà di cambiare aria.

CIFRE E CONSEGUENZE – Il mediano è stato acquistato dal club londinese allo scadere della sessione di mercato del 2017 per quasi quaranta milioni di euro ma tra l’infortunio dello scorso anno e la poca fiducia che suscita al nuovo allenatore le prestazioni in maglia blu, in totale, sono soltanto ventitré. Chiunque avrà il coraggio di fare una buona offerta al giocatore nella prossima sessione di mercato si potrebbe portare a casa un giocatore di sicuro valore. Che però, in attesa di qualcun altro che gli corrisponda circa sei milioni di euro l’anno, corre il rischio di mettere a repentaglio il proprio prestigio prima e la propria carriera poi. Il portafogli val bene una…siesta?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy