Dramma Ronaldinho: la sua adorata mamma Miguelina muore di Covid-19

Se il 2020 non era stato per nulla eccezionale per Ronaldinho, il 2021 inizia anche peggio per il brasiliano. È venuta a mancare la sua adorata mamma, Miguelina Elói Assis dos Santos, dopo una battaglia con il Covid-19 che durava da dicembre..

di Redazione Il Posticipo

Se il 2020 non era stato per nulla eccezionale per Ronaldinho, con l’arresto per l’utilizzo di un passaporto falso per entrare in Paraguay e la detenzione nel bel mezzo della pandemia di Covid-19, il 2021 inizia anche peggio per il brasiliano. Come riporta AS, è venuta a mancare la sua adorata mamma, Miguelina Elói Assis dos Santos, proprio dopo una lotta con il virus che durava ormai dal mese di dicembre. La madre dell’ex calciatore del Barcellona era stata ricoverata all’ospedale Mãe de Deus, di Porto Alegre, ma non ce l’ha fatta a superare le complicazioni date dal Covid-19. E per il verdeoro, visto quanto era legato alla signora Miguelina, si prospettano tempi davvero duri.

LUTTO – Era stato lui stesso nel mese di dicembre con un messaggio a informare tutti quanti della situazione di salute di sua madre. “Cari amici, mia madre ha contratto il Covid-19 e sta lottando per un pronto recupero. È in un reparto di terapia intensiva e sta ricevendo tutte le cure possibili. Vi ringrazio in anticipo per tutte le preghiere, le energie positive e l’affetto che mi dimostrate sempre. Forza mamma”. Ma alla fine, Dinho ha dovuto dire addio a quella che forse è la figura fondamentale della sua vita. E tra i primi ad abbracciare il Pallone d’Oro 2005 c’è stato uno dei suoi ex club, l’Atletico Mineiro, che ha listato a lutto la sua pagina social in segno di rispetto per la madre del campione brasiliano.

(Photo by Bruna Prado / Getty Images)

ABBRACCIO – Che certamente sarà molto colpito da un dolore simile. Anche perchè nel momento più complicato della sua vita recente, quello della detenzione in Paraguay, il suo primo pensiero è sempre stato proprio per sua madre. La speranza del verdeoro era che tutta la situazione si chiarisse, in modo da poter tornare da lei in Brasile, come aveva spiegato nella lunga intervista concessa dall’albergo dove scontava gli arresti domiciliari. “La prima cosa sarà dare un grande bacio a mia madre, che sta vivendo questo momento difficile sin dall’inizio e chiusa dentro casa per colpa della pandemia. E poi dovrò assorbire l’impatto generato da questa situazione e andare avanti, con forza e fede”. Ora però una delle rocce a cui aggrapparsi, purtroppo, non c’è più.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy