Dopo di Diego, il diluvio: lo stadio dei Dorados è diventato…una piscina!

Dopo di Diego, il diluvio: lo stadio dei Dorados è diventato…una piscina!

Diego Armando Maradona è arrivato in Messico come una vera e propria tempesta. Nel vero senso della parola, perchè lo stato di Sinaloa è alle prese con precipitazioni fortissime che hanno creato problemi anche al Diez e ai suoi.

di Redazione Il Posticipo

“Dopo di noi, il diluvio”. Una frase celebre, che pare fosse il motto della corte di Luigi XV. E che invece, d’improvviso, diventa perfetta…per Diego Armando Maradona. Che è arrivato in Messico, alla guida dei Dorados de Sinaloa, come una vera e propria tempesta. Mediatica, perchè da quelle parti non si è parlato d’altro nelle ultime settimane. Sportiva, perchè effettivamente il primo match della sua squadra lascia ben sperare, con un’ottima vittoria per 4-1. E…atmosferica, perchè lo stato di Sinaloa, Messico nord-occidentale, è in ginocchio a causa, appunto, di una forte tempesta che ha totalmente allagato l’impianto dove i ragazzi del Diez giocano le loro partite casalinghe.

NIENTE STADIO – Come riporta Infobae, una pioggia continua e molto pesante ha creato parecchi problemi dalle parti di Culiacán, la città dove Diego ora è di casa. Il Rio Humaya, il fiume che attraversa la cittadina, è esondato e ha inondato d’acqua le zone circostanti. Al punto che l’Estadio Banorte, che si trova esattamente a poche centinaia di metri dagli argini del corso d’acqua, si è trasformato…in una piscina olimpionica e che i calciatori dei Dorados hanno avuto qualche problema per trovare un luogo dove allenarsi. Poco male, perchè per fortuna di Maradona e dei suoi la squadra non metterà piede nell’impianto casalingo fino alla prossima settimana.

TRASFERTA – Per questo weekend in programma nella seconda serie messicana c’è una bella trasferta dall’altra parte del paese per il Diez e per i suoi. I prossimi avversari sono gli Alebrijes de Oaxaca, Messico meridionale, molto più vicini…a Panama che allo stato di Sinaloa. Da quelle parti il tempo non dovrebbe creare problemi e Diego e i suoi cercheranno di confermare le buone impressioni regalate nella prima partita in cui Maradona si è seduto sulla panchina dei Dorados. Nel frattempo si comincia a drenare lo stadio, che nei prossimi giorni sarà anche utilizzato come rifugio temporaneo per chi non può rientrare in casa a causa delle inondazioni. In attesa che la tempesta atmosferica se ne vada e che torni quella chiamata Diego.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy