Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Spagna, donne coraggio che arbitrano e scendono in campo contro il Coronavirus: “Rimanete a casa, aiutateci”

La domenica non arbitrano, ma da quando il campionato è fermo, sono ancora in campo. Storie dal fronte spagnolo di chi sveste i panni da giudice di gara e vestono il camice affrontando il Covid-19 sul campo.

Redazione Il Posticipo

Campionato sospeso, tutti a casa, arbitri compresi. Qualcuno, però, anzi, qualcuna scende ancora in campo: una delle protagoniste di una storia spagnola di resistenza al Covid-19 è Iragartze Fernández che quando sveste i panni di arbitro indossa il camice da infermiera in un ospedale di Bilbao. E racconta... dal fronte, la situazione di emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19.

INFERMIERA - Iragartze Fernández è un'infermiera presso il Rekalde Health Center di Bilbao, oltre che un assistente arbitro di Serie A di calcio femminile e di Terza Divisione. La ragazza, mai come in questo momento, però, è prima una operatrice sanitaria. E spiega ad AS la grave situazione in cui si trovano oggi gli ospedali. "Stiamo lavorando intensamente e talvolta con situazioni stressanti per lo screening di possibili casi di coronavirus. Per il bene di tutti, rimanete a casa e aiutateci a non diffondere ulteriormente la malattia".

OSTETRICA - Accanto a lei, Elena Peláez, ostetrica dell'ospedale Río Carrión di Palencia, anche lei arbitra di serie A femminile. Invia un messaggio di ottimismo mentre continua a condurre il suo lavoro in ospedale in condizioni sempre più complicate. Ma non perde l'ottimismo. "Con lo sforzo di tutti e l'atteggiamento positivo lo supereremo". La panoramica del quotidiano spagnolo si completa attraverso le parole di Leon Judit Romano, assistente arbitro nella seconda divisione, anestesista e rianimatrice  presso l'Ospedale dell'Università Centrale delle Asturie a Oviedo . "Il suo caso è un esempio di superamento per molti anni quando, con 14 anni, supero un linfoma", sottolineano la RFEF. Attualmente è l'unica donna della Seconda Divisione, dopo la promozione alla Prima Divisione di Guadalupe Porras."Siamo una squadra e insieme vinceremo".