Donati difende Karius: “I media hanno deciso di rendere enorme un errore. Hanno cancellato quello che ha fatto di buono”

Donati difende Karius: “I media hanno deciso di rendere enorme un errore. Hanno cancellato quello che ha fatto di buono”

Giulio Donati è tornato da poco in Italia, ma non dimentica il passato. E soprattutto si ricorda di un compagno di squadra quando giocava al Mainz. Un ragazzo che ha compiuto qualche errore di troppo e che ormai da quasi due anni la sta calcisticamente pagando molto cara…

di Redazione Il Posticipo

Una stella dell’Under-21, con cui ha collezionato ben 26 presenze, che però poi non ha mantenuto a pieno le promesse. Giulio Donati è tornato da poco in Italia, con la maglia del Lecce, dopo che la sua carriera lo ha portato per sei anni in Germania, tra Bayer Leverkusen e Mainz. Ora si gode di nuovo Lecce, dove è già stato in prestito quando era di proprietà dell’Inter, ma non dimentica il passato. E soprattutto un compagno di squadra di quando giocava a Magonza. Un ragazzo che ha compiuto qualche errore di troppo e che ormai da quasi due anni la sta calcisticamente pagando molto cara.

ERRORE – Donati e Karius, parte della difesa del Mainz prima che il tedesco volasse verso Liverpool. E soprattutto, che facesse quelle papere ormai maledette nella notte di Kiev. Un momento che gli ha segnato la carriera, ma non solo per colpa sua. Lo spiega Donati a TribalFootball: “Sfortunatamente, i media e le persone che girano intorno al cacio hanno deciso di sottolineare e rendere enorme un errore. Ma non possiamo dimenticare che il Liverpool ha raggiunto la finalissima anche grazie a lui”. Ma si sa, nel calcio basta un errore per crollare. Anche se certamente l’attenzione mediatica successiva non ha aiutato. “Era un ragazzo giovane che ha fatto un errore in una finale. Vero, era una partita molto importante, ma sono cose che possono succedere. E uno sbaglio non avrebbe dovuto cancellare quello che di buono aveva fatto fino a quel momento”.

SICUREZZA – Ora Karius è al Besiktas, dove continua ad alternare buone prestazioni ad errori grossolani. Difficile capire se il club turco lo riscatterà dopo il prestito biennale, ma quello che è certo è che il tedesco non tornerà ad Anfield. Una cosa che secondo Donati è ingiusta. “Sono sicuro che avrebbe fatto bene gli anni successivi al Liverpool, ma purtroppo non ne avremo mai la conferma, visto che è finito in Turchia”. Ma com’è avere come compagno di squadra Karius? Secondo il terzino del Lecce, la sua presenza era in grado di far sentire più tranquilli i compagni di reparto. “Quando ci allenavamo e giocavamo assieme, avere qualcuno come Karius dietro di te dava parecchia fiducia. Era qualcosa di positivo”. Difficile credere che a Liverpool la vedono così…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy