Dietrofront Messi: canta l’inno col Venezuela e spiega: “Oggi mi andava perché…”

Dietrofront Messi: canta l’inno col Venezuela e spiega: “Oggi mi andava perché…”

L’attaccante argentino ha cantato l’inno della sua Argentina prima di affrontare il Venezuela in semifinale. Inversione di tendenza della Pulce, che qualche giorno fa era stata smascherata da una mascotte prima del fischio d’inizio della sfida col Qatar

di Redazione Il Posticipo

Messi-Argentina: prima l’inno, poi il successo? La Pulce ha avuto finora un rapporto parecchio complicato con la sua nazionale: troppe finali perse (una al Mondiale e due in Copa América) un rapporto complicatissimo con i tifosi e qualche problema col grande rito del pre-partita. Negli ultimi giorni una mascotte in campo prima del match tra Argentina e Qatar ha rivelato che la Pulce non canta davvero l’inno. L’ultima mossa dell’attaccante però spegne il caso alla vigilia della grande semifinale col Brasile.

INNO CANTATO – A pochi minuti dal quarto di finale Argentina-Venezuela allo stadio Maracanã, il capitano dell’Albiceleste è stato ripreso dalle telecamere mentre intona l’Himno Nacional come riportato da Infobae. Una scelta che gli  ha portato bene: l’Argentina, al netto di una prestazione non indimenticabile,  ha comunque vinto 2-0 (gol dell’interista Lautaro Martinez e Lo Celso) conquistando la qualificazione alle semifinali dove sfiderà il Brasile per una vera e propria finale anticipata.

LA PULCE SPIEGA – Esaurito l’interesse intrinseco per il match, le attenzioni si sono concentrate tutte su Messi.  Nel post-partita di Argentina-Venezuela, la Pulce ha spiegato sorridendo  a chi gli ha chiesto perché abbia scelto di cantare l’inno prima del quarto di finale. Risposta laconica ma efficace: “Oggi avevo voglia e l’ho cantato”. Un’inversione di tendenza che ha sorpreso tutti i tifosi, che sui social hanno manifestato il loro stupore di fronte a qualcosa che non avevamo mai visto prima. Dopo il grande passo Messi conquisterà anche il suo primo grande trofeo con l’Albiceleste? I tifosi ci sperano, ma tra l’Argentina e la gloria c’è il Brasile che in semifinale venderà cara la pelle nella Copa América giocata in casa.

 

 

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy