Diego Costa difende Griezmann: “Dobbiamo ringraziarlo” ed esalta Felix: “ciò che ci serviva”

Diego Costa difende Griezmann: “Dobbiamo ringraziarlo” ed esalta Felix: “ciò che ci serviva”

Diego Costa “perdona” Griezmann ed esalta Joao Felix. E pensa anche a un possibile finale di carriera al Flamengo. L’attaccante dell’Atletico Madrid, in una lunga intervista rilasciata al canale YouTube “Que Partidazo” ha parlato sia del presente che del futuro più prossimo.

di Redazione Il Posticipo

Diego Costa “perdona” Griezmann ed esalta Joao Felix. E pensa anche a un possibile finale di carriera al Flamengo. L’attaccante dell’Atletico Madrid, in una lunga intervista rilasciata al canale YouTube “Que Partidazo” ha parlato sia del presente che del futuro più prossimo.

GRIEZMANN – Le parole del centravanti sono riprese da AS. Il primo argomento affrontato è Griezmann. Un addio che ha ferito i tifosi colchoneros, ma che è compreso, nel senso più pieno del termine, da Costa.  “Il suo sogno era giocare con Messi e Suarez. Voleva qualcosa di nuovo e adesso lo ha trovato nel Barça. Non ho cercato di convincerlo, io sono andato al Chelsea, quando ho capito che era ora di partire. Lasciare una squadra non significa essere ingrato con il club, ma solo vivere un’altra esperienza.  Griezmann non ha mai saltato un allenamento, è stato un esempio. Non possiamo parlare male di lui, solo ringraziarlo”.

FELIX –  Al posto del Piccolo Diavolo è arrivato Joao Felix. Il portoghese ha già conquistato Diego Costa. Sia dentro che fuori dal campo. “Non vuole diventare una star. Ha dimostrato la sua qualità nel precampionato. Sicuramente ha il dono del talento, è logico che ci sia attesa intorno a lui.  Personalmente mi trovo molto bene con lui. La sua specialità è l’ultimo passaggio e questo mi aiuta molto: è qualcosa di cui avevamo bisogno, non solo io, ma l’intera squadra”.

PRESENTE E FUTURO – Le ultime parole invece sono spese sul futuro, anche prossimo. Dopo l’Atletico non è esclusa la possibilità di una esperienza in Brasile. ” Mi sento ancora un giocatore importante. L’Atlético è eccezionale, qualcosa che fa identificare molti. Nel futuro vedremo se il Flamengo mi chiamerà tra due o tre anni. È la squadra in cui tutti i giocatori brasiliani, e non solo i brasiliani, vorrebbero andare Se l’opportunità arrivasse e se starò bene, non direi di no”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy