Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Diao incolpa Klopp per l’addio di Manè: “Non sentiva più tutto l’amore di cui aveva bisogno e se ne è andato”

Diao incolpa Klopp per l’addio di Manè: “Non sentiva più tutto l’amore di cui aveva bisogno e se ne è andato” - immagine 1
L'ex calciatore senegalese Salif Diao ha parlato della cessione di Manè e ha spiegato che è colpa del tedesco. In particolare, del suo rapporto con l'attaccante negli ultimi anni...

Redazione Il Posticipo

Con la finale di Champions League persa a Parigi, per il Liverpool è finita un'epoca. Quella del tridente composto da Momo Salah, Sadio Manè e Bobby Firmino. Vero, il brasiliano ormai ha perso il posto da un po', ma è ancora a disposizione di Klopp. Il senegalese invece, dopo aver vinto con i Reds la coppa dalle grandi orecchie nel 2019 e la Premier League nel 2020, ha deciso di lasciare Anfield e di accettare l'offerta del Bayern Monaco. Una rivoluzione che forse fino a qualche tempo fa era impossibile da prevedere, anche perchè Klopp è sempre stato un grande estimatore del suo attaccante, che a sua volta ha sempre parlato bene del tecnico. Dunque, cosa è successo per arrivare all'addio?

Klopp e l'amore

Salif Diao una mezza idea ce l'ha. L'ex calciatore senegalese, che ha giocato un centinaio di partite in Premier League, ha parlato al LiverpoolEcho della cessione di Manè e ha spiegato che...è stata colpa del tedesco. "Penso che nell'ultimo paio di anni Manè abbia sentito di non ricevere più ad Anfield tutto l'amore di cui aveva bisogno. E non parlo dei tifosi, penso più all'allenatore". In che modo potrebbe avere Klopp fatto decidere al suo calciatore di andarsene? Magari...preferendogli Salah, compagno di reparto con cui però i rapporti non sono mai stati troppo sereni, anche per le tante sfide affrontate da rivale sia in Coppa d'Africa che nelle qualificazioni mondiali.

Altre accuse al tedesco

Qualsiasi sia stato il problema, comunque, Diao spiega che la decisione di dividere le proprie strade sia stata quella giusta: "Le cose non andavano come dovevano, quindi Manè ha scelto di cercarsi una nuova sfida. E penso che, quando si parla di un top player, dopo quattro o cinque anni in un club importante a volte è giusto cercare nuove motivazioni altrove". Il senegalese comunque non è l'unico a puntare il dito su Klopp per l'addio dell'attaccante. Anche Trevor Sinclair qualche mese fa aveva segnalato le dichiarazioni con cui il tedesco sminuiva l'importanza della Coppa d'Africa potevano aver fatto arrabbiare Manè. E se tuti continuano a prendersela con l'allenatore, forse qualcosa di vero alla fine c'è...