Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Di Michele: “Non so quanto serva cambiare, la Salernitana non è attrezzata per la A”

TURIN, ITALY - FEBRUARY 23:  David Di Michele of Torino celebrates scoring a goal during the Serie A match between Torino and Parma at the Stadio Olimpico on February 23, 2008 in Turin, Italy. (Photo by New Press/Getty Images)

L'ex attaccante granata lascia poco spazio alle interpretazioni.

Redazione Il Posticipo

Inizio pesantissimo per la Salernitana. Tre partite, altrettante sconfitte, appena due gol fatti e ben undici subiti. Numeri che hanno messo in seria discussione Castori e non convincono affatto David Di Michele. L'ex calciatore 48 gol in 102 presenze con la maglia granata, in una intervista rilasciata a tmw ritiene che, al netto dell'arrivo di Ribery, la squadra non sia comunque attrezzata per reggere l'urto con la massima serie.

IMPATTO - La Salernitana ha avuto qualche problema in queste tre partite mostrando diverse lacune. Rimontata dal Bologna all'esordio, ha poi ha subito due quattro a zero consecutivi. Fragile abbastanza per preoccuparsi. "Secondo me la squadra non è da serie A. Ha pochi giocatori con esperienza nel massimo campionato. E comunque non all'altezza. Rispetto alla Serie B questa categoria è tutta un'altra cosa e credo che la Salernitana se ne stia accorgendo. La A è un altro mondo, dove tutte le squadre propongono il loro gioco. In questo senso, i granata non hanno un trascorso. Ed è difficile che questa mentalità possa cambiare da un giorno all'altro".

 SALERNO, ITALY - AUGUST 14: Fabrizio Castori US Salernitana coach gestures during the Coppa Italia match between US Salernitana and Reggina Calcio at Stadio Arechi on August 14, 2021 in Salerno, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

DIFFERENZE - La Salernitana è riuscita a centrare la promozione subendo pochissimo: in A difendersi non basta. "Nel nostro campionato si pressa alto, si gioca con il pallone. Le due altre due neopromosse sono abituate alla costruzione, mentre la squadra di Castori ha un atteggiamento molto diverso, riassumibile in fase difensiva e lanci lunghi in avanti. Questo sistema di gioco piò pagare in serie B, ma se si sale di categoria serve qualcosa di diverso. Non so quanto il cambio di panchina possa cambiare le sorti della squadra. La scorsa stagione la Salernitana ha vinto 11 partite di fila dopo qualche passaggio a vuoto. E in ogni caso la squadra è costruita su una mentalità che non si cambia da un giorno all'altro. nessun allenatore ha la bacchetta magica, occorrono diverse settimane, ma la B è un campionato che ti aspetta, la Serie invece non concede tempo".