Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Di Maria e la squalifica…dimenticata: il PSG perde il Fideo per le prime tre giornate di Champions

(Photo by Baptiste Fernandez/Icon Sport via Getty Images)

Quando ci sarà la Champions a fare spazio a Messi toccherà ad Angel Di Maria. Ma non perchè il Fideo voglia lasciare il posto all'amico. La questione è che l'esterno del PSG le prossime tre partite...non le può giocare, ma pochi se lo...

Redazione Il Posticipo

Si avvicina la prima partita di Champions League e la curiosità è grandissima soprattutto per quello che riguarda il Paris Saint-Germain. I francesi hanno nel loro girone il Bruges, con cui esordiranno nella prossima settimana, il Manchester City e il Lipsia. Ma nonostante un sorteggio non semplicissimo, la rosa a disposizione di Pochettino lascia poco spazio alla preoccupazione. Del resto, quando si possono schierare contemporaneamente Messi, Neymar e Mbappè (e tralasciando anche i campioni presenti nelle altre zone del campo), di chi si deve aver paura? Con una Pulce in più nel motore, però, Poch dovrà anche pensare a chi farà spazio al suo connazionale nell'undici iniziale. Qualcuno dovrà fare un piccolo ma significativo sacrificio...

TRE GIORNATE - E, neanche a dirlo, quando ci sarà la Champions a fare spazio a Messi toccherà ad Angel Di Maria. Ma non perchè il Fideo, grande amico del sei volte Pallone d'Oro, sarà il primo a voler lasciare il posto al suo compagno di nazionale. La questione è che l'esterno del PSG le prossime tre partite...non le può giocare. E la cosa assurda è che non se lo ricordava praticamente nessuno. A farlo tornare in mente a tutti è AS, che ricorda che per i primi tre match del girone Pochettino non potrà contare sul suo calciatore. Tutta colpa di un'espulsione, quella rimediata nella sconfitta in semifinale di ritorno della scorsa stagione contro il Manchester City. Di Maria è infatti stato mandato sotto la doccia con un rosso diretto per un fallo di reazione su Fernandinho.

SENTENZA TARDIVA - E allora perchè la squalifica era stata...dimenticata? Beh, perchè la pronuncia della commissione disciplinare della UEFA è arrivata ampiamente fuori tempo massimo, persino più tardi della finale di Champions, che pure si è giocata quasi un mese dopo il rosso a Di Maria. Se poi si considera che la sentenza è arrivata l'8 giugno, quando nel Vecchio Continente tutti stavano pensando agli Europei, mentre nel nuovo si avvicinava la Copa America con il caos Covid nel mezzo, normale che le tre giornate inflitte al Fideo siano passate ampiamente di mente a tutti. Ma onde evitare di perdere a tavolino contro il Bruges, il PSG farà meglio a ricordarsi di non mettere Di Maria nel referto...