Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Di Maria difende Messi e Pochettino: “Hanno bisogno di tempo, si pensava che il PSG vincesse sempre 5-0?”

(Photo by Baptiste Fernandez/Icon Sport via Getty Images)

Il centrocampista ha ripercorso il suo 2021 analizzando i vari scenari. Psg, Pochettino e... Messi.

Redazione Il Posticipo

Angel Di Maria ha scritto la storia del calcio argentino. Ha regalato alla sua nazionale la prima vittoria del XXI secolo in un torneo internazionale. E in una lunga intervista concessa a ESPN ha ripercorso il suo 2021 analizzando i vari scenari. Psg, Pochettino e... Messi.

COPA - Il gol in Copa ha sfatato un tabù. "Mi ha regalato una felicità che non avrei mai immaginato, è stato un momento che ha cambiato totalmente la mia vita. Il rapporto con la nazionale argentina non è semplice da gestire, vi sono pressioni e critiche che a volte feriscono perché vengono tirati in mezzo gli affetti più cari e altre volte si mira sul personale. Quando gioca la albiceleste non si parla di altro, forse si dovrebbe allentare un po' la presa".

POCHETTINO - Dall'Argentina... agli argentini. A Parigi c'è una colonia importante di connazionali. Allenatore compreso: "Parlare di Pochettino non è facile, deve sempre accontentare tutti, ma in campo ne scendono soltanto undici. Occorre allenarsi, non lamentarsi e dimostrare di meritarsi la fiducia. E comunque non è facile giocare in Francia. Penso che la gente si aspettasse un 4 o 5 a zero ogni partita, ma il calcio non è così semplice. Serve del tempo, per sistemare i pezzi e assemblarli. Poi si diventa squadra".

 KAZAN, RUSSIA - JUNE 30: Lionel Messi and Angel Di Maria of Argentina celebrate during the 2018 FIFA World Cup Russia Round of 16 match between France and Argentina at Kazan Arena on June 30, 2018 in Kazan, Russia. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

MESSI - Inevitabile l'accenno a Messi. "Nell'ultima partita contro il Bruges abbiamo dimostrato che stiamo bene, è normale che ci sia molta attesa con l'arrivo di Messi. Leo è sereno: posta sui social, lo vediamo a casa con la sua famiglia, felice e sereno. Lo sono anche i suoi figli che hanno dovuto cambiare città e scuola. Tutto è pianificato per semplificargli la vita e si è adattato molto bene nel gruppo e a Parigi. Messi è comunque un essere umano e come tale ha vissuto un grande cambiamento. Deve adattarsi ai compagni e a un nuovo modo di giocare in un PSG che gioca un contropiede veloce mentre il Barça preferiva il possesso palla. Abbiamo cercato di bilanciare un po' tutto".