Di Francesco: “Sono arrabbiato siamo superficiali in difesa”

ll Cagliari esce sconfitto dal Dall’Ara.

di Redazione Il Posticipo

Due volte in vantaggio, due volte raggiunto e infine superato. Il Cagliari esce dal Dall’Ara con più di qualche rammarico, anche per un finale giocato in attacco e la consapevolezza di trovare un equilibrio fra le due fasi per ambire a una classifica importante. L’allenatore dei sardi analizza la sfida ai microfoni di DAZN.

RIMONTATO – Difficile darsi una spiegazione: “Sicuramente non sono contento di come difendiamo. Siamo troppo superficiali, non accorciamo quando gli uomini vanno a calciare è una costante di questo campionato. Dobbiamo ricordarci che ci sono due fasi, serve maggiore attenzione. Troppe volte andiamo in vantaggio e ci facciamo riprendere o accorciare. Funzioniamo solo a tratti nella partita. Nel finale ho messo due attaccanti di struttura per cercare di sfruttare i cross. Simeone è stato pericoloso ma meno brillante del solito. La squadra stava sviluppando bene il gioco ma manca di concretezza. Siamo stati costantemente nella loro metà campo senza segnare”.

EQUILIBRIO – Il Cagliari non riesce a trovare equilibrio. “I ragazzi devono capire che non si deve per forza difendere alto. Voglio che la squadra capisca che per arrivare a determinati risultati la squadra deve muoversi diversamente. Occorre anche sfruttare al meglio tante ripartenze. Rubiamo palla e poi sbagliamo e ciò non ci permette di risalire e ribaltare l’azione. Non possiamo permetterci quattro attaccanti ci sono tanti aspetti da migliorare, non si può far calciare gli avversari dal limite dell’area con così grande facilità. Non possiamo vincere sempre segnando quattro o cinque gol ma dobbiamo essere in grado di scendere in campo in maniera diversa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy