calcio

Di Canio avvisa Sarri: “Attenzione a non fare la fine di Mourinho e Conte…”

Quando è stato ufficializzato l'arrivo del tecnico toscano al Chelsea, Di Canio aveva lanciato un avvertimento scherzoso, "occhio alle parolacce". Ora invece arriva più di qualche tirata di orecchi al profeta del Sarriball...

Redazione Il Posticipo

Se si parla di Premier League, Paolo Di Canio è certamente un'autorità. L'ex capitano della Lazio conosce bene il campionato inglese, avendolo giocato con le maglie di Sheffield, West Ham e Charlton e avendo guidato dalla panchina il Sunderland. Logico dunque che su un tecnico italiano come Maurizio Sarri, venga chiesto un parere a chi ha frequentato quei campi a lungo e conosce anche il calcio italiano. Quando è stato ufficializzato l'arrivo del tecnico toscano al Chelsea, Di Canio aveva lanciato un avvertimento scherzoso, "occhio alle parolacce". Ora invece arriva più di qualche tirata di orecchi al profeta del Sarriball. Che secondo l'ex attaccante, le cui dichiarazioni sono riportate dal Daily Express, rischia grosso.

INVOLUZIONE - Dopo una prima parte di stagione travolgente, il Chelsea ha infatti frenato, incamerando una sola vittoria, un pareggio e due sconfitte nelle ultime quattro partite di campionato. Un trend che per Di Canio non promette bene."Il buon inizio del Chelsea? Sarebbe stato meglio il contrario: un avvio lento e una crescita continua. Ma adesso il cammino si è quasi interrotto e c'è persino un'involuzione. Per giocatori come Hazard e Willian è anche diventato complicato superare gli avversari". Il turnover è un problema? Anche se lo fosse, non è che Sarri abbia molte possibilità di non farlo... “Ci sono molte partite in questo periodo dell'anno e le altre squadre non lasceranno nulla per strada. Sarri deve stare molto attento".

MOU E CONTE - Anche perchè il gruppo del Chelsea ha già...silurato un paio di colleghi niente male... “Puoi anche perdere contro il Manchester City, ma se ci fosse un'altra sconfitta il Chelsea potrebbe anche ritrovarsi quinto. Ed il rischio è che molti giocatori accusino il colpo e smettano di credere nel processo di crescita. Molti di questi giocatori sono gli stessi che hanno mollato Mourinho e Conte. Ma non hanno motivo di smettere di puntare al campionato con Sarri, perchè vedo che gli vogliono bene e che lo seguono. Però ripeto, Sarri deve chiarire meglio alcuni punti del suo pensiero tattico e tecnico. Anche perchè quelli lì davanti tengono la palla tra i piedi per troppo tempo, per come lui concepisce il calcio". Come andrà questo freddo dicembre dalle parti di Stamford Bridge?