Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Di Biagio: “Ho perso 4-0, ma se non è rigore quello di Strefezza smettiamo con il calcio…”

La Spal, a dispetto del risultato, è rimasta in gara per larghi tratti del match

Redazione Il Posticipo

Di Biagio ne prende quattro dall'Inter ma la Spal, a dispetto del risultato, è rimasta in gara per larghi tratti del match. E c'è anche da recriminare per il contatto fra Handanovic e Strefezza. Il tecnico analizza la sfida ai microfoni di DAZN.

DIGNITÀ - La Spal ha giocato e ha retto sino a che ha potuto. "Una partita diversa. Avevamo più stimoli, ma dovevamo averne più a Genova. Peccato perché abbiamo giocato un ottimo primo tempo, colpito una traversa, poi c'è stato l'episodio del possibile rigore. Poi quando si va in svantaggio divine tutto molto più complicato. Viviamo un periodo delicato ed è facile poi prendere una goleada anche se non ce la meritavamo".

RIGORE - Si gioca per evitare l'ultimo posto. Poi però il discorso scivola sul rigore. "Dal punto di vista del lavoro si può fare poco, cerchiamo di rimettere a posto alcune situazioni. Dobbiamo trovare l'orgoglio di non arrivare all'ultimo posto in classifica. Non dobbiamo arrenderci, al netto della situazione che stiamo vivendo. Il rigore? Antonio è un amico ed è finita lì. Mi viene da ridere perché se non è rigore questo smettiamo con il calcio. Un arbitro, a velocità normale, al massimo fischia il rigore e poi con il Var torna indietro nella decisione. Palla ingiocabile? Facciamo i bravi su dai...".