Di Biagio ci crede: “La Spal non è inferiore alle altre: non facciamo calcoli, ma punti”

Di Biagio ci crede: “La Spal non è inferiore alle altre: non facciamo calcoli, ma punti”

L’ex Ct dell’Under 21 esordisce con una sconfitta sul campo del Lecce. Adesso alla Spal serve un piccolo miracolo.

di Redazione Il Posticipo

Gigi Di Biagio esordisce con una sconfitta al Via del Mare. Quarto K.O. consecutivo per la SPAL che vede adesso maledettamente in salita la strada verso la salvezza. Distante otto punti, con tante squadre davanti e la sensazione che serva un miracolo.

DURISSIMA – Il tecnico della Spal analizza il match ai microfoni di Sky Sport: “Il campo non rispecchia quelli che sono i valori. La squadra non ha demeritato. Ora bisogna insistere su ciò che ho cercato di trasmettere. La Spal meritava qualcosa in più. Non si deve abbassare la guardia, la situazione è difficile. Non basta che gli altri perdano punti, noi dobbiamo farne e anche in fretta. Non ricordo oltre al gol, tanti tiri del Lecce. Dobbiamo essere più incisivi sotto porta”

ALTERNATIVE  – Serve una impresa. Salvarsi sarebbe un miracolo sportivo. E senza i gol di Petagna è dura: “Attaccanti non è che ne abbiamo molti. Costruire un altro attaccante diviene difficile. Dobbiamo supportare Petagna con centrocampisti offensivi. Valdifiori è rientrato da poco, D’Alessandro sta recuperato, Strefezza può essere un supporto”. Liverani fissa quota salvezza a 38 punti. “Non dobbiamo fare calcoli, ma cercare di vincere più partite possibili. Oggi parlare di salvezza è da pazzi, ma ne ho viste tante nella mia carriera e sino alla fine sono il primo a non mollare. Qualcuno di chi è quota 25 può perdere punti e certezze. La prima sconfitta non mi fa cambiare idea: per me la Spal non è inferiore alle altre”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy