Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Di Biagio: “Anno difficile. Non devo spiegazioni a Vagnati, le responsabilità sono di tutti”

Il tecnico della Spal, alla vigilia della sfida con il Torino, ha affrontato diversi temi.

Redazione Il Posticipo

Gigi Di Biagio non le manda a dire in conferenza stampa. Il tecnico della Spal, alla vigilia della sfida con il Torino, ha affrontato diversi temi.

RESPONSABILITÀ  - L'ex allenatore della nazionale Under 21 parla di anno complicato. "Riassumere tutto quello che è successo non è facile. Io credevo fortemente nella salvezza, ma poi ci sono state delle problematiche che ci hanno impedito di raggiungere il traguardo. Potrei raccontare tante cose al riguardo. A partire da ciò che è successo dal primo di luglio a oggi. Ma si tratta di responsabilità che si devono prendere tutti. Io sarò sempre riconoscente a Colombarini e Mattioli, non ho nulla contro di loro. Quando non arrivano i risultati, viene tutto molto difficile".

ERRORI - La Spal non è riuscita mai a essere in corsa per la salvezza. "Quando sono arrivato qua ero consapevole dei problemi che c'erano, ma la colpa non è di Vagnati. Adesso, dobbiamo porci un nuovo obiettivo: riuscire a  trovare una vittoria che non arriva. Quando analizziamo le partite insieme, rimangono meravigliati dagli errori individuali commessi. Abbiamo commesso troppe leggerezze. Non posso parlare perché i risultati parlano da soli. Io continuo a lavorare come ho sempre fatto, cercando di raschiare dal barile quelle forze psicofisiche per cercare tre punti che dal punto di vista della classifica non servirebbero a niente, ma ci aiuterebbero comunque a dare un senso alla stagione".

DIFFICOLTÀ - Polemiche chiuse con un pizzico di fastidio. "Mi dà fastidio leggere che cerco delle scuse per sottrarmi alle responsabilità. Chi dice o pensa questo, non mi conosce. Di sicuro sceglierei di nuovo la SPAL, anche se mi sento in debito con la società, la città e i tifosi. Mi sento a disagio a camminare per strada, la gente mi saluta, la sento vicina, mi sostiene, nonostante io non abbia collezionato nessuna vittoria. Mi aspetto un parte nostra e un risultato positivo".