Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Destro: “Empoli scelta consapevole, io e Zanetti abbiamo la stessa voglia di rifarci”

Destro: “Empoli scelta consapevole, io e Zanetti abbiamo la stessa voglia di rifarci” - immagine 1
Una scelta non consueta per la società toscana, abituata a puntare più sui giovani che su calciatori di rendimento e categoria. L'ex attaccante però è assolutamente convinto della propria scelta.

Redazione Il Posticipo

Mattia Destro riparte da Empoli. Una scelta non consueta per la società toscana, abituata a puntare più sui giovani che su calciatori di rendimento e categoria. L'ex attaccante però è assolutamente convinto della propria scelta. Le sue parole sono riprese da pianetaempoli.it.

ESPERTO

Destro è ancora relativamente giovane ma ha già accumulato tantissima esperienza che lo ha spinto a scegliere il club toscano. "Ho scelto Empoli perché la ritengo una tappa fondamentale per la mia carriera. Sono in età matura ma posso ancora dare tanto e sono certo che lavorare qui mi darà delle risposte importanti. Sono convinto della mia scelta e tengo tantissimo a dimostrare il valore. Sono più esperto di tanti compagni ma mi sono sempre messo a disposizione della squadra e sono pronto a dare consigli e ad accettarli da parte di tutti".

RITORNO

Un ritorno in.... famiglia. Anche papà Destro ha chiuso a Empoli. "Anche mio padre è stato qui, Io ero piccolo e ricordo poco. Ne abbiamo parlato ma non mi servivano tante spiegazioni. Ormai l'Empoli è un modello riconosciuto ed apprezzato, è notorio che questa sia una piazza ideale per lavorare in serenità. Qui ci sono le condizioni ideali per rendere al massimo. Ho trovato un bellissimo ambiente. Le mie aspettative sono alte. So che il secondo anni è sempre più complicato ma l'Empoli ha mostrato una certa qualità e come società mi è sempre piaciuta. Qui si sono valorizzati e rilanciati in tanti, è una scelta, ribadisco, assolutamente consapevole".

RIVALSA

Zanetti in panchina, Destro in campo. Due annate da dimenticare e identica voglia di riscatto dopo le rispettive retrocessioni con Venezia e Genoa. "Il mister lo conoscevo dall'anno scorso e mi ha colpito per la sua personalità e la vocazione offensiva. Ha la mia stessa voglia di rifarsi e vivere una stagione importante. Credo che attraverso l'Empoli entrambi potremo raggiungere i nostri obiettivi. Dovremo lavorare tantissimo, sarà un campionato lungo e duro ma sono pronto. A livello tattico non ho problemi ad adattarmi, non ho particolari preferenze, riesco a interpretare il ruolo di prima e seconda punta, l'importante è essere messo nelle condizioni di finalizzare il gioco. Per un attaccante il gol è tutto".