Depay, che serataccia: gol sbagliato e casa svaligiata

Depay, che serataccia: gol sbagliato e casa svaligiata

Una notte da dimenticare per l’olandese: all’amarezza per il risultato si aggiunge anche la scoperta della casa svaligiata. Si parla di una refurtiva di 1,5 milioni di euro!

di Redazione Il Posticipo

Una serata da dimenticare per Memphis Depay, il talento olandese in forza al Lione. L’OL perde con il Nizza e l’esterno ha sulla coscienza il gol del mancato pareggio, divorato perdendo l’equilibrio mentre cerca di spingere un pallone da toccare a porta vuota. Alla forte delusione si è poi aggiunta un’enorme amarezza. Al rientro in casa, Depay ha trovato una sgradita sorpresa: la casa, secondo quanto riporta il Sun, sarebbe stata svaligiata.

COLPO – Il colpo, secondo le prime ricostruzioni del tabloid, si sarebbe consumato durante la notte fra venerdì e sabato. Evidentemente i rapinatori si sono mossi nella certezza che in concomitanza con la partita nell’abitazione non ci sarebbe stato nessuno e avrebbero agito pressoché indisturbati, rastrellando un ingente bottino. Dalle prime stime riportate dal tabloid sembra che chi sia vicino al caso abbia quantificato il danno in qualcosa come 1,3 milioni di sterline, pari a circa 1,5 milioni di euro.

LUSSO – Preso atto che il colpo sia stato anche piuttosto semplice, e la cifra comunque da confermare, resta da capire come sia stato possibile, per i ladri, trafugare un bottino del genere. In molti si sono chiesti quali e quanti beni avesse il calciatore in casa per raggiungere una cifra da capogiro. Beh, senza voler fare i conti in tasca a nessuno, basta osservare con un po’ di attenzione il profilo Instagram del calciatore 23enne, che ama circondarsi di beni di lusso. Da orologi a gioielli e bolidi. Basti pensare che va (o forse andava) in giro con una Rolls Royce. Atteggiamenti e acquisti che avevano irritato Ruud Gullit che, a suo tempo, lo rimproverò accusandolo di sprecare il proprio talento pensando più ai beni materiali che a migliorare in campo. La sensazione, però, è che a Depay, adesso, possa interessare più il lavoro degli investigatori che le parole del campione d’Europa olandese.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy