Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Denis spinge la sua Bergamo: “L’Atalanta aiuterà ad uscire da questo incubo”

El Tanque non ha dimenticato Bergamo. E ritiene che la squadra di Gasperini possa aiutare la città a trovare una gioia.

Redazione Il Posticipo

Denis, il cuore a Bergamo. L'attaccante argentino, protagonista della cavalcata della Reggina verso il ritorno in Serie B sino a che è stato possibile giocare, non ha dimenticato l'Atalanta. E attraverso le parole riportate dall'Eco di Bergamo lancia un messaggio di solidarietà alla squadra.

VICINI - L'attaccante argentino soffre solo al pensiero di una Bergamo messa in ginocchio dalla pandemia. "Soffro insieme ai bergamaschi. Appena sarà possibile,  desidero tornare per riabbracciare tutti, la gente e la città. Da quando ho lasciato la maglia dell'Atalanta, sono spesso tornato a Bergamo  per affari. E sono convinto che Bergamo si riprenderà, perché è una città forte oltre che splendida".

GASPERINI - Un po' come l'Atalanta di Gasperini: "Vederla giocare è una gioia. Mostra un calcio entusiasmante. La squadra può cambiare qualsiasi pedina, ma il risultato non cambia. Avere 15-16 titolari nel calcio moderno e soprattutto ora che pare si debba giocare ogni tre giorni, sarà  fondamentale. Mi auguro che i successi siano da stimolo per la gente. Non vedo grandi rivali per il quarto posto, se lo merita". Magari un centravanti come Denis si sarebbe esaltato in questo sistema di gioco. "Il mio era un altro mondo, giocavamo per salvarci. In questa squadra mi viene da dire che avrei fatto tanti gol. Papu è il vero trascinatore, con gli anni è cresciuto tantissimo anche in personalità. Da attaccante, sono un grande tifoso di Zapata: è fortissimo per forza fisica e finalizzatore."

 CHAMPIONS - C'è anche il sogno Champions da portare a compimento. L'Atalanta ha interrotto la sua cavalcata sul più bello. "Mi auguro e spero si possa ritornare a giocare. Il cammino dell'Atalanta, dopo la sconfitta di Zagabria, è stato incredibile. E non è finita. Questa squadra potrà giocarsi le sua chances. Sono convinto che fra chi è rimasto in lizza, tra gli avversari impegnati ora in Champions, nessuno sceglierebbe di affrontare ora quest'Atalanta.