Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Demiral: sangue, proteste e polemiche social: “Dopo questo mi hanno ammonito…”

SALERNO, ITALY - SEPTEMBER 18: Merih Demiral of Atalanta BC gets injured during the Serie A match between US Salernitana v Atalanta BC at Stadio Arechi on September 18, 2021 in Salerno, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Durante il match tra Salernitana e Atalanta, il difensore della Dea non solo è finito sul taccuino dell'arbitro Valeri, ma ci ha anche...rimesso fisicamente. E a fine partita ha voluto dire la sua al riguardo...

Redazione Il Posticipo

Che Merih Demiral sia un combattente, non ci sono di certo dubbi. Il difensore turco, attualmente all'Atalanta dopo esperienze tricolori con Sassuolo e Juventus, è uno di quelli che non si tira mai indietro e per questo Gasperini lo ha voluto per sostituire Romero. Certo, a volte l'irruenza costa un po' caro al classe 1998, che non di rado si becca qualche cartellino di troppo. Il problema arriva quando però il giallo Demiral non se lo meriterebbe ma se lo becca uguale. Il che è esattamente quello che è avvenuto durante il match tra Salernitana e Atalanta. In cui il difensore della Dea non solo è finito sul taccuino dell'arbitro Valeri, ma ci ha anche...rimesso fisicamente.

SANGUE - La scena è di quelle...splatter. Demiral si scontra con Djuric, che allarga un po' troppo il braccio. Il fischietto romano concede un calcio di punizione alla Dea e ammonisce il calciatore della squadra campana. Il che però al turco non basta, perchè nel contrasto ha avuto la peggio e si è trasformato in pochi secondi in una maschera di sangue. E quindi partono le proteste nei confronti del direttore di gara, sempre più reiterate finchè alla fine Valeri è quasi costretto...ad ammonire anche lui. E poco importa che Demiral sia dovuto andare a farsi medicare per sistemare la perdita di sangue, che rientri col più classico dei turbanti e che a fine match esca dal campo con la maglia che porta i segni della disavventura.

"MI HANNO AMMONITO" - Segni che sono ancora più evidenti sul volto del calciatore, che una volta che prende in mano il telefono fa anche un po' di polemica. La story Instagram del turco dice tutto: primo piano sulla faccia tumefatta, con i punti all'altezza del sopracciglio in bella evidenza e commento sarcastico: "dopo questo mi hanno ammonito...". Insomma, il difensore dell'Atalanta non l'ha presa per nulla bene e ha voluto farlo sapere al mondo intero. Anche perchè sarà anche un calciatore di quelli che non si tira mai indietro quando ci sono da usare le maniere forti, ma stavolta forse si è beccato il giallo meno giusto della sua carriera...