Del Cerro Grande…caos: rigore decretato da un…camion

Del Cerro Grande…caos: rigore decretato da un…camion

Incredibile quanto accade nella sfida fra Schalke 04 e Manchester City. Il monitor non funziona e il rigore decretato a favore dei tedeschi arriva direttamente….dal camioncino della regia.

di Luigi Pellicone

Del Cerro Grande….caos. VAR Benvenuta (?) in Champions. E sono subito polemiche. La moviola in campo è immediatamente protagonista nella sfida fra Manchester City e Schalke 04 e fa sentire immediatamente il proprio enorme peso specifico nell’andata del match in casa dei tedeschi. Un rigore, un gol in fuorigioco (forse) annullato e la sensazione che la moviola in campo sia destinata a una vita durissima in Europa, dove si gioca senza un domani e i nervi sono a fior di pelle.

DUBBI – Carlos Del Cerro Grande arbitra una sfida che sulla carta non dovrebbe avere storia. In campo invece lo Schalke si fa sentire eccome. E beneficia anche di qualche decisione che lo favorisce, senza…controprova. Sul punteggio di 0-1 il tiro di Caligiuri è deviato da Otamendi con un braccio. Il fischietto spagnolo non ritiene di intervenire ma la VAR lo informa. Gioco sospeso. Tutti si attendono il consueto siparietto. Invece Del Cerro non va a verificare al monitor. Perché? Semplicemente non funzionava. Come è possibile una cosa del genere?

CAMION – Il chiarimento arriva quasi istantaneo. Come riportato da AS, gli arbitri delegati alla VAR, in questo caso, non sono nello stadio. Bensì stazionano in un camion che è parcheggiato fuori dalla struttura. Con queste condizioni, è inevitabile qualche problema. E allora tutto è nelle mani di Del Cerro Grande che senza…grandi aiuti fa da solo. Piuttosto surreale. In tutto ciò, trascorrono qualcosa come tre minuti. Forse un po’ troppi ma era inevitabile considerando che l’arbitro ha dovuto tenere calmi i giocatori, confabulare con il…camion e infine decidere. Giustamente, comunque, per il rigore che ha decretato l’1-1. E alla fine, il City porta a casa la vittoria in rimonta per 2-3, nonostante l’inferiorità numerica e due rigori contro. Uno dei quali…destinato a fare storia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy