Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

De Zerbi: “Mi aspetto una Juve determinata, ma il Sassuolo è completo e consapevole”

Il tecnico neroverde non teme la Juve.

Redazione Il Posticipo

De Zerbi sembra ormai destinato altrove, ma prima di lasciare Sassuolo vuole l'Europa. E il percorso passa attraverso la sfida con una Juventus in difficoltà ma, a sua volta, a caccia di punti per non perdere definitivamente contatto con la zona Europa che conta. Un'eredità a testimonianza della crescita degli ultimi mesi. Le parole del tecnico sono riportate dal canale ufficiale del club.

COMPLETO - Il tecnico è comunque in vena di bilanci. "Quando sono arrivato qui, il Sassuolo si era salvato a 180' dal termine del campionato. Poi alla terzultima. Quindi ha centrato l'ottavo posto. Confermarlo sarebbe importante perché significherebbe essere alle spalle delle big. Adesso, dopo aver accumulato esperienza, commesso errori, compresi quelli di chi guida la squadra, il Sassuolo ha raggiunto una sua dimensione ed è completo. Forse non è bellissimo come in passato, quando ci è mancato qualcosa.  La squadra ha acquisito quella continuità di rendimento necessario a chi vuole ambire a traguardi importanti. Ho visto consapevolezza, volontà precisa di puntare il settimo posto. Quando un obiettivo è messo a fuoco, la motivazione arriva da sola. Ed è più facile tirare fuori le qualità individuali".

JUVENTUS - Incredibile a dirsi, ma è la Juventus a preoccuparsi della trasferta al Mapei. De Zerbi però non si fida. "La Juventus è una squadra formata da grandi campioni ed è ferita nell'orgoglio. Di solito, in questi casi, la reazione è quasi violenta. Ecco perché mi aspetto una Juventus molto più determinata. E noi la affronteremo con le solite armi. Qualità individuali, organizzazione di gioco, voglia di arrivare al nostro traguardo. La partita d'andata è stata un segnale di continuità ma il Sassuolo si è espresso ad alti livelli per tutto il campionato. Quella sfida, giocata in inferiorità numerica e con 10 uomini che non si accontentavano dell'1-1 è stata l'emblema del cambiamento definitivo della mentalità. In ogni caso, restano tre partite. Cercheremo di farle coincidere con altrettante vittorie per continuare a inseguire il nostro obiettivo".