De Rossi e Zarate, dieci anni dopo: divisi dal derby, uniti dal Boca…e da una giornata speciale

De Rossi e Zarate, dieci anni dopo: divisi dal derby, uniti dal Boca…e da una giornata speciale

Dal 2009 per l’ex capitano romanista sono cambiate parecchie cose. Anche i rapporti con i colleghi. Soprattutto con un neo-compagno di squadra, che nell’aprile di dieci anni fa era forse il peggiore degli avversari, ma con cui De Rossi ha condiviso…una gioia…

di Redazione Il Posticipo

Cosa sono dieci anni nel mondo del calcio? Tanto tempo, quasi un’intera carriera. Certo, non nel caso di Daniele De Rossi, per cui al massimo rappresentano la metà del cammino sportivo. Ma dal 2009 per l’ex capitano romanista sono cambiate parecchie cose. Intanto gli anni sono 36 e non più 26 e la maglia ha cambiato parzialmente colore: resta sempre il giallo, mentre al rosso della sua Roma si è sostituito il blu del Boca Juniors. E cambiano anche i rapporti con i colleghi. Soprattutto con un neo-compagno di squadra. Che nell’aprile di dieci anni fa era forse il peggiore degli avversari, ma con cui De Rossi ha condiviso…una gioia.

DE ROSSI… – Si torna dunque indietro all’11 aprile 2009. All’Olimpico c’è il derby. Non è una partita come le altre e non solo per il più classico dei luoghi comuni. Basterebbe pensare che a fine primo tempo finiscono sotto la doccia Spalletti e Tare e che alla fine della partita le squadre ci arrivano in dieci (la Lazio, espulso Matuzalem) contro nove (la Roma, con rosso sventolato a Mexes e Panucci). Ma nonostante una sconfitta pesante per 4-2, forse il ricordo di quella stracittadina per Daniele De Rossi non è esattamente negativo. Quel giorno, il centrocampista segna il suo primo gol nel derby. Una rete, quella del momentaneo 3-2, che nell’economia della partita è inutile, ma che è la prima gioia nella partita che conta di più.

…E ZARATE – E chi lo segna uno dei gol della Lazio? Proprio un attaccante che tra poche ore De Rossi si ritroverà come compagno: Mauro Zarate. Al quarto minuto, dopo la rete-lampo di Pandev, è proprio il numero 10 biancoceleste a raddoppiare con un gran tiro da fuori. Anche per l’argentino è il primo gol nel derby, ma a differenza di De Rossi, per lui sarà anche l’ultimo. E, tanto per non far mancare le polemiche a una partita già molto sentita di suo, De Rossi si fa anche ammonire per proteste dopo il gol dell’avversario. Chissà se, sotto il cielo di Buenos Aires, i due ricorderanno quella giornata di dieci anni fa. Di certo, potrebbero farsi una bella risata. Soprattutto a pensare agli strani scherzi che fa il calcio. Un ex idolo laziale e una bandiera romanista che si abbracciano con la maglia del Boca. Un qualcosa di così romantico che forse era addirittura inimmaginabile…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy